Roma paralizzata: nevicata extra non inaspettata

4 febbraio 2012

A.E.C.I. LAZIO CHIEDE LE DIMISSIONI DI ALEMANNO E INVITA I CITTADINI A CHIEDE I DANNI

Ancora una volta l’amministrazione Alemanno si è rilevata del tutto inadeguata ad amministrare una delle città più importanti del mondo. Questa volta sono stati sufficienti pochi centimetri di neve per paralizzare del tutto la città eterna.

Se è vero che Roma non è certamente una città abituata a nevicate e a confrontarsi con simili condizioni meteo è vero anche che la stessa perturbazione era stata nettamente anticipata e prevista. Il tempo necessario per predisporre le giuste contromisure il colle capitolino lo ha avuto.

Pesano sul collo del primo cittadino tutte le inefficienze dimostrate per l’ennesima volta a cominciare dalla contraddizione di non chiudere le scuole ma di sospendere la didattica. Questa scelta ci è sembrata, in effetti, una mossa esclusivamente mediatica per non comunicare lo stato di inadeguatezza della stessa amministrazione.

A.E.C.I. LAZIO è pronta, con la propria Consulta Giuridica, a predisporre tutte le iniziative del caso per assistere i cittadini romani e a chiedere i giusti risarcimento dei danni. Invitiamo per tanto tutti i cittadini a prendere contattato con la nostra sede di Roma, allo 06 45 10 914  per chiedere informazioni

A.E.C.I. LAZIO | Associazione Europea di Consumatori Indipendenti chiede per l’ennesima volta l’ammissione da parte del primo cittadino della inefficienza del proprio staff e della inadeguatezza ad amministrare una città di così tanta importanza e chiede un passo avanti da parte di Alemanno presentando le proprie dimissioni.

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]