A.E.C.I. PORTA ENI IN TRIBUNALE PER MANCATO RICONOSCIMENTO DELLA PRESCRIZIONE.

28 marzo 2018

Da sempre Eni è sorda alle richieste dei consumatori relativamente all'applicazione della prescrizione quinquennale (sino ad oggi) e biennale da marzo 2018 (per il gas 2019). ENI è sempre stata contro il riconoscimento della prescrizione da sempre. Sin da prima la liberalizzazione del mercato. Da sempre ha cercato di scavalcare il muro con diversi stratagemmi. 

A.E.C.I. ha quindi deciso, alla luce proprio delle risposte sino ad oggi ricevute, di segnalare il comportamento anomalo all'ANTITRUST per richiedere la verifica di eventuali comportamenti scorretti a danno dei consumatori. 

Ricordiamo, infatti, che il consumatore (avvalendosi proprio della prescrizione)  non è tenuto alla conservazione documentale delle fatture prescritte. In caso di conguagli, dunque, potrebbe non essere in grado (per esempio) di verificare la reale condizione dei consumi. Consumi che, comunque, il legislatore ha da prima ritenuto prescritti in 5 anni e, a partire da Marzo 2018, in due anni.

A fronte poi del diniego del riconoscimento della prescrizione stessa A.E.C.I. ha deciso di proseguire e portare l'operatore energetico in tribunale. Sarà il Giudice a stabilire se la prescrizione dovrà essere applicata o meno. A.E.C.I., questa volta, andrà sino in fondo.


SCARICA L'ALLEGATO [clicca sull’icona]

A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

CHIEDI AIUTO

MODULI

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]