RICHIESTA DI RIMBORSO IMU; Imu incostituzionale.

REGIONE: SICILIA

L’Imu bocciata perchè potrebbe creare altra povertà in Italia. 

A lanciare l’allarme questa volta non è un’associazione di consumatori, di imprese eccetera, ma addirittura la Commissione europea. Le reazioni alla tassa Imu non si sono fatte certo attendere. Il 2012 sarà ricordato, fiscalmente parlando, come l’anno della reintroduzione della tassa sulla casa, non più Ici, ma Imu. Una cambiamento non solo nel nome ma anche nei calcoli che ha provocato esborsi da parte delle famiglie italiane in un anno segnato dalla recessione economica.


Nello specifico i profili di incostituzionalità sollevati in merito all’Imu riguardano:

-  articolo 3 sul principio di uguaglianza: l’imposta sarebbe incostituzionale in quanto colpisce la titolarità di beni immobili, in modo errato e casuale, senza considerare correttamente il loro valore e la situazione personale dei soggetti passivi,

- articolo 47 sulla tutela del risparmio: l’imposta colpisce il risparmio investito in immobili, facendo crollare le quotazioni e la corsa alla vendita delle abitazioni, favorendo solo approfittatori e speculatori contro ogni logica di efficienza economica,

-  articolo 53 principio di capacità contributiva: l’imposta colpisce tutti, disoccupati e non, ricchi e poveri non tenendo conto del fatto che i cittadini hanno il dovere di concorrere alle spese pubbliche in ragione delle proprie risorse. Una volta presentata al comune la richiesta di rimbordo e nel silenzio dell'amministrazione, trascorso 90 giorni si può ricorrere alla Commissione Tributaria Provinciale e chiedendo la remissione degli atti alla Corte Costituzionale


A.E.C.I. Palermo 1

Agostino Curiale 

13 gennaio 2013

Articolo a firma del responsabile Agostino Curiale che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: palermo1@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Compilando ed inviando il form il sottoscritto dichiara di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali [ vedi privacy ] e acconsentire al trattamento degli stessi.

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il sottoscritto DICHIARA di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali, ai sensi dell’art. 13 e ss del Reg. UE n. 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/04/2016

CONSENSO TRATTAMENTO DATI

Il sottoscritto, informato dell’identità del Titolare e Responsabile del trattamento dei dati, della misura, modalità con le quali il trattamento avviene, delle finalità del trattamento cui sono destinati i dati personali, del diritto alla revoca del consenso così come indicato nell’informativa sottoscritta ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, ACCONSENTE ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di cui all’Informativa al Trattamento dei Dati personali.

A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

CHIEDI AIUTO

MODULI