ISTAT | CRISI: SI TAGLIA SU SPESA E SANITA'. IL 60% DEGLI ITALIANI FA SPESA AL DISCOUNT

23 aprile 2013

Associazione Consumatori
Sei famiglie su dieci scelgono ormai il discount per fare la spesa e negli ultimi 12 mesi questa quota è aumentata di quasi 9 punti percentuali. Tra il 2007 e il 2013 "la quota di famiglie che acquista presso hard discount è quasi raddoppiata, superando il 21% nel 2011. Ad affermarlo il presidente dell'Istat, Enrico Giovannini, davanti alle commissione speciali di Camera e Senato in un'audizione sul Def, documentazione economica e finanziaria. 

Giovannini ha poi sottolineato che "la crisi degli ultimi cinque anni sta modificando in profondità i modelli di consumo delle famiglie" e che la punta massima del fenomeno di coloro che si rivolgono ai discount per fare la spesa "si è verificata nel Mezzogiorno (dal 65% al 73%), ma in termini incrementali si sono avute variazioni anche più ampie al Nord, dove il salto è stato di quasi 10 punti percentuali (dal 46% al 55,5%), e al Centro (dal 53% a quasi il 62%).
Coldiretti: si compra meno carne e si abbassa la qualità degli alimenti 
Si svuota il carrello della spesa anche per i prodotti base per l`alimentazione, dalla frutta (-4%) agli ortaggi (-3%), dal grana padano (-7%) al parmigiano reggiano (- 3%) fino alla carne bovina che registra un calo delle macellazioni del 7% nel primo trimestre nel 2013. E` quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che la situazione di disagio degli italiani è confermata dal fatto che sei italiani su dieci hanno fatto la spesa al discount con un aumento del 9% secondo l'Istat. 

"Gli italiani - sottolinea la Coldiretti - sono stati costretti a cambiare la spesa dal punto di vista quantitativo e qualitativo". Le preoccupazioni, secondo la Coldiretti, riguardano anche il fatto che l'Italia è un forte importatore di prodotti alimentari, con il rischio concreto che per tentare di contenere i costi nei cibi in vendita, vengano utilizzati ingredienti di diversa qualità "come il concentrato di pomodoro cinese, l'extravergine tunisino, la cagliata di latte della Lituania o il prosciutto olandese spacciato per nazionale". 

Non va peraltro dimenticato che nel 2012 si è registrato un aumento del 9% delle famiglie che hanno chiesto aiuto per mangiare con un totale di ben 3,7 milioni di persone assistite con pacchi alimentari e pasti gratuiti nelle mense.
Tagli anche alle spese per la sanità
Negli anni della crisi il 71% delle famiglie italiane ha quasi eliminato le spese per la sanità (visite e indagini cliniche) mantenendo quella 'incomprimibile' per i medicinali, ha detto il presidente dell'Istat, Enrico Giovannini, durante l'audizione sul Def davanti alle commissioni speciali di Camera e Senato.
FONTE: RAI NEWS

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Compilando ed inviando il form il sottoscritto dichiara di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali [ vedi privacy ] e acconsentire al trattamento degli stessi.

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il sottoscritto DICHIARA di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali, ai sensi dell’art. 13 e ss del Reg. UE n. 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/04/2016

CONSENSO TRATTAMENTO DATI

Il sottoscritto, informato dell’identità del Titolare e Responsabile del trattamento dei dati, della misura, modalità con le quali il trattamento avviene, delle finalità del trattamento cui sono destinati i dati personali, del diritto alla revoca del consenso così come indicato nell’informativa sottoscritta ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, ACCONSENTE ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di cui all’Informativa al Trattamento dei Dati personali.

A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

CHIEDI AIUTO

MODULI

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]