Hai bisogno di aiuto?

MERCATONE UNO TORNA IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA: AI CONSUMATORI CHI CI PENSA?

3 luglio 2019

Associazione Consumatori

La vicenda del Gruppo Mercatone conosce nuovi sviluppi: quali novità rispetto agli impegni disattesi con i consumatori?

Già dal 2015 il Gruppo Mercatone Uno, preso atto della fase di crisi in cui versava, era stato posto in Amministrazione Straordinaria. Ad agosto 2018 l’Amministrazione era convinta di aver individuato due promettenti acquirenti per il complesso aziendale composto da 68 punti vendita: la Shernon Holding S.r.l. e la Cosmo S.p.A.

In seguito al fallimento della Shernon Holding S.r.l dello scorso 23 maggio, i commissari straordinari e il curatore fallimentare hanno concordato il rientro dei complessi aziendali all’Amministrazione Straordinaria.

L’operazione (avallata dal Tribunale di Bologna con decreto del 7 giugno u.s) consentirà di attivare gli ammortizzatori sociali in tutela dei circa 1.800 dipendenti. In secondo luogo l’impresa dovrebbe formalmente tornare in attività, al fine di preservarne il valore in vista di eventuali futuri acquirenti.

A oggi tuttavia non sono note le modalità con cui l’esercizio provvisorio dell’attività di impresa si esplicherà. Nel frattempo, nuovi Commissari Straordinari sono stati nominati lo scorso 17 giugno dal MiSE, il Ministero dello Sviluppo Economico.

A fronte dei più recenti sviluppi, la domanda rimane una sola: AI CONSUMATORI CHI CI PENSA?

A.E.C.I. si sta attivando per tutelare i Consumatori che non hanno ricevuto la merce ordinata (e già pagata).

Va innanzitutto precisato che le proposte di commissione firmate all’atto dell’acconto, costituiscono un contratto di compravendita con patto di riservato dominio. Pertanto, chiunque abbia versato un acconto ma non abbia ancora ricevuto la merce e versato il saldo, non è ancora formalmente proprietario della merce ordinata. In questa tipologia di contratto infatti la proprietà del bene passa solo al momento del saldo del prezzo.

Ciò ha delle conseguenze pratiche sulla strategia da seguire. Questo tipo di contratto, dunque, non viene meno in ragione del fallimento: semplicemente l’obbligo di adempiervi passa in capo al curatore fallimentare.

Allo stato attuale la situazione si muove lungo un doppio binario: da un lato abbiamo il Fallimento, unico soggetto attualmente vincolato dai contratti rimasti inevasi; dall’altro abbiamo l’Amministrazione Straordinaria, che è materialmente rientrata in possesso del complesso aziendale, incluse le rimanenze di magazzino.

Il primo step sicuramente per chi si trova in questa situazione (tantissimi, purtroppo) implica dunque l’invio a entrambi i soggetti di una lettera di formale messa in mora. Decorso inutilmente il termine concesso per l’adempimento - in assenza di un riscontro collaborativo da parte del curatore o dell’Amministrazione Straordinaria - il contratto tra le parti sarà da intendersi risolto. A quel punto (e non prima) al consumatore non resterà che tentare di insinuare il proprio credito al passivo fallimentare (c’è tempo fino al 20 settembre). Continueremo, comunque, a tenervi aggiornati sull’evoluzione della situazione: torna a leggerci su questo sito.

Per avere maggiori informazioni su come possiamo aiutarti, contattaci direttamente alla mail mercatoneuno@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Compilando ed inviando il form il sottoscritto dichiara di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali [ vedi privacy ] e acconsentire al trattamento degli stessi.

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il sottoscritto DICHIARA di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali, ai sensi dell’art. 13 e ss del Reg. UE n. 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/04/2016

CONSENSO TRATTAMENTO DATI

Il sottoscritto, informato dell’identità del Titolare e Responsabile del trattamento dei dati, della misura, modalità con le quali il trattamento avviene, delle finalità del trattamento cui sono destinati i dati personali, del diritto alla revoca del consenso così come indicato nell’informativa sottoscritta ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, ACCONSENTE ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di cui all’Informativa al Trattamento dei Dati personali.

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]