ACQUISTI ONLINE: DAL 3 DICEMBRE STOP AL GEOBLOCKING CON SOVRAPPREZZI NEI PAESI UE

3 dicembre 2018

Associazione Consumatori

È possibile acquistare prodotti online senza pagare sovrapprezzi. La liberalizzazione delle vendite online arriva giusto in tempo per i regali di Natale

La maggior parte dei siti di e-commerce in Europa non consentiva l’acquisto di prodotti al di fuori dei confini del proprio Paese, senza l’aggiunta di sovrapprezzi legati alla localizzazione geografica del Consumatore. Da oggi, non sarà più possibile.

Dal 3 dicembre, infatti, non esisterà più il cosiddetto geoblocking, che impediva ai cittadini europei di concludere acquisti online transfrontalieri senza l’aggiunta di sovrapprezzi.

Così tutti gli utenti potranno fare acquisti online in tutti i Paesi dell’Unione Europea. Le nuove regole vietano la pratica dei blocchi geografici nelle vendite online permettendo di poter usufruire di offerte promozionali presenti su una delle pagine nazionali di un’azienda. D’ora in avanti si potrà invece acquistare senza problemi i beni fisici come abbigliamento, accessori o prodotti tecnologici. Quindi, nessun venditore può più rifiutarsi di accettare l’acquisto perché non fa consegne in un Paese diverso dal suo. L’azienda è obbligata a trovare un accordo con il cliente che può ritirare l’acquisto dal commerciante o optare per la spedizione in una località coperta dal servizio spedizioni del commerciante.

Le nuove regole hanno però ancora delle limitazioni. Infatti non possono essere applicati a prodotti audiovisivi e coperti da copyright. Rientrano in questa categoria e-book, musica, videogiochi e software. Per questi prodotti resta valido il principio della territorialità e per cui sono già in vigore dallo scorso aprile le nuove regole sulla portabilità dei contenuti.

La Commissione Ue però annuncia novità in vista del 2020 con la possibilità di mettere fine al geoblocking anche per musica, e-book, videogiochi e software.

Questo il Comunicato diffuso dalla Commissione Europea 

La Commissione europea ha controllato 10.537 siti di e-commerce per avere un quadro completo delle pratiche di geo-blocking nell'UE. Il mystery shopping ha esaminato 143 coppie di Paesi e 8 settori di beni e servizi più comunemente acquistati online nell'UE, come l'hardware elettronico e il PC. I principali risultati sono riassunti di seguito.

La maggior parte dei siti Web non consente ai consumatori di acquistare da un altro paese dell'UE: le pratiche di geo-blocco sono state identificate nel 63% di tutti i siti web valutati.

Solo 1 sito su 3 consente ai consumatori di acquistare da un altro paese dell'UE:  

Solo nel 37% di tutti i siti web valutati gli acquirenti hanno avuto la possibilità di arrivare all'ultima fase del processo di acquisto online, dove hanno inserito correttamente i dettagli della carta di pagamento.

I consumatori sono geo-bloccati nelle diverse fasi dello shopping online:

  • durante l'accesso al sito web: gli acquirenti sono stati reindirizzati verso un altro sito web, bloccati direttamente o è stato offerto loro prodotti diversi nel 5% dei siti web in generale, soprattutto nella prenotazione di voli (13%) e noleggio auto (11%).
  • al momento della registrazione sul sito Web per effettuare un ordine: gli acquirenti sono stati bloccati nel 27% dei casi. I tre tipi più richiesti di informazioni personali durante la registrazione erano l'indirizzo e-mail (93%), l'indirizzo fisico (88%) e il numero di telefono (76%).
  • quando si selezionano le opzioni di consegna: gli acquirenti sono stati bloccati nel 32% dei casi. Questo era più comune con i siti Web negli Stati membri dell'UE13 (il 48% dei siti Web ha limitato la consegna al proprio Paese) rispetto agli Stati membri dell'UE15 (il 28% dei siti Web ha limitato la consegna nel proprio Paese).
  • al momento di scegliere le opzioni di pagamento: gli acquirenti sono stati bloccati nel 26% dei casi. In pratica, ciò è avvenuto non accettando il metodo di pagamento (carta di credito, 15% dei casi) o impedendo agli acquirenti di inserire con successo i dettagli della carta di pagamento.

Il geoblocco è più diffuso nell'UE13:

  • I rivenditori online di EU13 (84%) hanno più probabilità di bloccare gli acquirenti online transfrontalieri rispetto a quelli con sede nell'UE15 (66%).
  • Gli acquirenti di EU13 (74%) avevano più probabilità di essere geo-bloccati rispetto a quelli con sede nell'UE15 (64%).

Il geoblocco è più frequente per i beni fisici che per i servizi:

  • Per i beni tangibili, il blocco geografico era più elevato per gli elettrodomestici come i forni a microonde (86%) e il più basso per i libri (60%).
  • Per i servizi, il blocco geografico era più alto per le prenotazioni online del settore del tempo libero offline, come biglietti per eventi sportivi (40%) e più bassi per i servizi di viaggio, come le prenotazioni alberghiere (33%)."

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Compilando ed inviando il form il sottoscritto dichiara di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali [ vedi privacy ] e acconsentire al trattamento degli stessi.

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il sottoscritto DICHIARA di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali, ai sensi dell’art. 13 e ss del Reg. UE n. 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/04/2016

CONSENSO TRATTAMENTO DATI

Il sottoscritto, informato dell’identità del Titolare e Responsabile del trattamento dei dati, della misura, modalità con le quali il trattamento avviene, delle finalità del trattamento cui sono destinati i dati personali, del diritto alla revoca del consenso così come indicato nell’informativa sottoscritta ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, ACCONSENTE ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di cui all’Informativa al Trattamento dei Dati personali.

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]