IL CONSUMO ANOMALO E LA PERDITA OCCULTA DELLE UTENZE. GUIDA E ISTRUZIONI D’USO

25 ottobre 2018

Per consumo anomalo si definisce quella misurazione non conforme altamente discostante dalla media dell’utenza. Può avvenire normalmente per le utenze di acqua, luce e gas mentre, attualmente, non si parla più di consumo anomalo per la telefonia che utilizza fatturazioni flat.

Il consumo anomalo si riscontra principalmente per tre motivazioni:

  • Rottura dell’impianto con dispersione della risorsa
  • Guasto del misuratore
  • Furto della risorsa

Il guasto dell’impianto varia in relazione alla tipologia di utenza. Normalmente per il gas non si evidenziano perdite occulte e, laddove si individua una perdita è necessario agire con tempestività, chiudere i rubinetti principali e chiamare Vigili del Fuoco e Distributore. In questo caso la riattivazione potrà avvenire esclusivamente a seguito di riparazione certificata e fatturata.

Relativamente all’energia, invece, la dispersione è sommariamente rara. In questo caso, qualora si registri un consumo non conforme è necessario rivolgersi ad un elettricista per l’analisi dell’impianto e l’individuazione dell’eventuale dispersione.

In entrambi i casi (luce e gas) laddove la perdita avviene prima del contatore, ovviamente, non deve (e non viene) conteggiata) ma in caso di perdita a partire dal contatore la responsabilità è dell’utente. E’ consigliabile, dunque, verificare costantemente i misuratori confrontando misure, e controllando eventuali allaccia anomali.

Infatti, in caso di furto della risorsa, avvenuta ovviamente dopo il contatore, la responsabilità è esclusivamente dell’utente che si potrà rivalere nei confronti di colui che ha prelevato illecitamente il gas, la luce o l’acqua. Il gestore richiederà invece il pagamento totale del consumo all’utente. In questi casi è consigliabile rivolgersi direttamente alla forza pubblica sia per evitare reazioni e liti sia per contestare nell’immediato l’illecito per poi rivalersi successivamente.

La rottura del misuratore.

La rottura del contatore la rileviamo a partire da un importante discostamento tra il consumo medio (reale e passato) e il consumo attuale. Facendo un esempio pratico: una utenza elettrica di una famiglia media rileva un consumo giornaliero di circa 11, 12 kwh. Se il consumo quotidiano rilevato è notevolmente superiore (sopra la soglia dei 20) e non ho elementi che mi possano far pensare ad un consumo così alto è necessario fare delle verifiche. In caso di rottura del misuratore il gestore e il distributore intervengono e verrà applicata una tariffa su un consumo medio precedente o successivo.

Per ultimo parliamo delle perdite occulte negli impianti idrici. Per perdita occulta si intende un guasto dell’impianto non visibile che ha provocato un consumo anomalo. Ogni gestore prevede in questo caso particolari modalità di depenalizzazione. E’ possibile dunque, grazie a questi particolari condizioni effettuare la riparazione (certificata e fatturata) contestare la fattura, e richiedere un ricalcolo.

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Compilando ed inviando il form il sottoscritto dichiara di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali [ vedi privacy ] e acconsentire al trattamento degli stessi.

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il sottoscritto DICHIARA di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali, ai sensi dell’art. 13 e ss del Reg. UE n. 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/04/2016

CONSENSO TRATTAMENTO DATI

Il sottoscritto, informato dell’identità del Titolare e Responsabile del trattamento dei dati, della misura, modalità con le quali il trattamento avviene, delle finalità del trattamento cui sono destinati i dati personali, del diritto alla revoca del consenso così come indicato nell’informativa sottoscritta ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, ACCONSENTE ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di cui all’Informativa al Trattamento dei Dati personali.

A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

CHIEDI AIUTO

MODULI

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]