INPS NON PUÒ PRETENDERE IL RIMBORSO DELLE SOMME EROGATE PER ERRORE

20 settembre 2017

Associazione Consumatori

SE HAI PERCEPITO UNA PENSIONE PIU’ ALTA DEL DOVUTO NON DEVI RESTITUIRLA.

A.E.C.I. nelle ultime settimane ha ricevuto diverse segnalazioni da parte di pensionati che hanno ricevuto delle comunicazioni da parte di INPS, nelle quali l’Ente Pensionistico richiedeva il rimborso di somme erogate PER ERRORE DI INPS. Poche righe con le quali si comunica l’obbligo di restituzione delle somme, in alcuni casi molto ingenti, nel giro di 30 giorni. 

INPS può pretendere la restituzione delle somme ricevute per errore? NO, LE SOMME EROGATE DA INPS, NON DEVONO ESSERE RESTITUITE. Se, naturalmente, non è ravvisato dolo da parte del Pensionato.

La Corte di Cassazione, sezione lavoro, con sentenza n. 482/2017 ha dichiarato l’illegittimità della pretesa da parte di INPS di ottenere la restituzione delle somme in eccedenza versate sulla pensione “alla stregua dell’art. 52 della Legge n. 88/89, espressione di un principio generale di irripetibilità delle pensioni (Cass. N. 382/02), perché la disciplina della sanatoria è globalmente sostitutiva di quella ordinaria di cui all’art. 2033 c.c., le pensioni possono essere in ogni momento rettificate dagli enti erogatori in caso di errore di qualsiasi natura commesso in sede di attribuzione o di erogazione della pensione, ma non si fa luogo al recupero delle somme corrisposte, salvo che l’indebita prestazione sia dovuta a dolo dell’interessato”. 

La sentenza citata tutela la buona fede del pensionato che abbia percepito una pensione, più alta del dovuto, dall’Ente in quanto quest’ultimo è in possesso, fin dall’inizio del processo, di tutti gli elementi necessari per verificare il diritto all’erogazione del trattamento pensionistico e per quantificarne gli importi.

L’IMPORTO PUO’ ESSERE RETTIFICATO, MA NON IN MANIERA RETROATTIVA.

Tuttavia, in assenza di un chiaro dettato normativo, sarà necessario impugnare l’eventuale richiesta di restituzione delle somme con apposita azione legale.

Se avete ricevuto anche voi la comunicazione da parte di INPS, contattate lo Sportello Operativo A.E.C.I. ai seguenti recapiti:

- mail: assistenza@euroconsumatori.eu;

- tel.: 06 45 10 914;

- compila il form sottostante.


HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Compilando ed inviando il form il sottoscritto dichiara di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali [ vedi privacy ] e acconsentire al trattamento degli stessi.

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il sottoscritto DICHIARA di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali, ai sensi dell’art. 13 e ss del Reg. UE n. 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/04/2016

CONSENSO TRATTAMENTO DATI

Il sottoscritto, informato dell’identità del Titolare e Responsabile del trattamento dei dati, della misura, modalità con le quali il trattamento avviene, delle finalità del trattamento cui sono destinati i dati personali, del diritto alla revoca del consenso così come indicato nell’informativa sottoscritta ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, ACCONSENTE ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di cui all’Informativa al Trattamento dei Dati personali.

A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

CHIEDI AIUTO

MODULI

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]