DECRETO SALVA BANCHE: L'EUROPA SMENTISCE BANCA ITALIA.

Roma - 09 dicembre 2015  - Ancora una volta la dimostrazione, semmai ce ne fosse realmente il bisogno, che Banca d'Italia non può essere "l'istituzione imparziale a tutela dei risparmiatori/consumatori".

Ancora una volta Banca Italia preferisce stare dalla parte dei forti contro i deboli per tutelare i truffatori e saccheggiare le tasche degli indifesi consumatori.

L'Europa ha infatti smentito la tesi di Banca Italia: secondo quest'ultima, infatti il decreto Salva Banche è stato valutato e condiviso dal Governo di Bruxelles che avrebbe considerato il decreto come unica via di salvataggio.

A.E.C.I. conferma il consiglio di evitare sottoscrizioni di finanziamenti obbligazionari e azionari di Istituti di Credito. I casi che hanno danneggiato i consumatori sono troppi e il risultato è stato sempre lo stesso; le Istituzioni hanno preferito tutelare gli istituti di credito e non i risparmiatori.
Dopo Parmalat, Giacomelli, Cirio, Argentina, Convertendo BPM (e molti altri) l'unica soluzione è la prevenzione evitando sottoscrizione di titoli di Istituti di Credito. 

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]