Hai bisogno di aiuto?

ATTIVAZIONE DI SERVIZI NON RICHIESTI SUL CELLULARE: ORA INDAGA ANCHE LA GUARDIA DI FINANZA

3 luglio 2020

Associazione Consumatori

Quante volte capita di rendersi conto di addebiti anomali sulla propria sim o addirittura di vedere il proprio credito improvvisamente azzerato e poi scoprire che sulla sim sono stati attivati dei servizi digitali mai richiesti?

La vicenda è nota e va avanti da numerosi anni. In sostanza sulle sim vengono attivati dei servizi digitali a pagamento forniti da terze parti, quindi non direttamente dagli operatori telefonici, ma che generano guadagni milionari sia per gli operatori telefonici sia per le società che forniscono i servizi.

L’Antitrust se n’era già occupata nel 2015, accertando che l’attivazione di servizi premium a pagamento non richiesti fosse una pratica commerciale scorretta e sanzionando Telecom, Vodafone, Wind e H3g con una multa di 1.750.000 euro ciascuno per Telecom e H3G e a 800.000 euro ciascuno per Wind e Vodafone.

L’Antitrust ha quindi accertato che la responsabilità è anche degli operatori telefonici nell’attivazione di tali servizi.

Nonostante la sanzione dell’Antitrust, gli operatori hanno proseguito nell’attivazione di questi servizi sulle sim dei propri utenti.

Ora sull’attivazione dei servizi non richiesti indaga anche la Guardia di Finanza, che proprio oggi ha eseguito perquisizioni e sequestri nella sede di Wind Tre. Le ipotesi di reato sarebbero frode informatica ai danni dei consumatori, intrusione abusiva a sistema telematico e tentata estorsione contrattuale. Sarebbero tre i dirigenti di Windtre, nonchè di aggregatori/hub tecnologici, e content service provider (CSP) che, in concorso tra loro e insieme ad altre 8 persone, sono indagati per la truffa agli utenti*.

La nostra Associazione da sempre segnala l’attivazione di servizi non richiesti alle autorità preposte, difendendo anche i singoli utenti nei procedimenti davanti all’Autorità garante per le Comunicazioni per chiedere agli operatori telefonici il rimborso delle somme illegittimamente sottratte per l’attivazione dei servizi non richiesti ed i relativi indennizzi.

Segnala la tua storia ad Aeci!


 Fonte della notizia www.repubblica.it | Fonte dell'immagine https://pixabay.com/

AECI si impegna ogni giorno per difendere i diritti dei consumatori. Di tutti i consumatori. Se siamo in tanti, valiamo di più. Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi contribuire a migliorare la nostra società, condividendo le nostre battaglie, AIUTACI A CRESCERE. L'iscrizione in adesione è al costo di 2 euro e se deciderai di fare la tessera ordinaria, avrai uno sconto del 10%

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Compilando ed inviando il form il sottoscritto dichiara di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali [ vedi privacy ] e acconsentire al trattamento degli stessi.

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il sottoscritto DICHIARA di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali, ai sensi dell’art. 13 e ss del Reg. UE n. 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/04/2016

CONSENSO TRATTAMENTO DATI

Il sottoscritto, informato dell’identità del Titolare e Responsabile del trattamento dei dati, della misura, modalità con le quali il trattamento avviene, delle finalità del trattamento cui sono destinati i dati personali, del diritto alla revoca del consenso così come indicato nell’informativa sottoscritta ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, ACCONSENTE ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di cui all’Informativa al Trattamento dei Dati personali.

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]