SECURPOL: NON EFFETTUA LA VIGILANZA MA CHIEDE IL PAGAMENTO DELLE FATTURE

REGIONE: LAZIO


Si sono rivolti alla nostra Associazione dei consumatori diversi cittadini del territorio di Roma Sud che hanno affidato alla Securpol il servizio di Vigilanza presso la propria abitazione.

Un modo per poter stare più tranquilli da eventuali furti, con un servizio di vigilanza notturna.

Ebbene…della vigilanza nessuna traccia…tracciabili solo le fatture!

Ebbene, a tal proposito, l’AGCM, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con provvedimento n. 24958/ 2014, ha deliberato la vessatorietà, ai sensi e per gli effetti dell’art. 33, commi 1 e 2, lettera t), del Codice del Consumo, della clausola di cui al punto 10 del contratto, per il servizio di vigilanza adottato da Securpol Group s.r.l. relativa alla presentazione dei reclami.
Nella specie, la clausola citata, negherebbe qualsiasi valore probatorio circa il corretto adempimento del servizio e priverebbe il cliente/consumatore di qualsiasi possibile mezzo di riscontro circa il corretto adempimento della prestazione contrattuale di Securpol.
Poichè, dunque per la sua formulazione, la clausola individua un’espressa ipotesi di preclusione di mezzi di prova che limita le possibilità del consumatore di dar prova dell’inadempimento del professionista, l’AGCM ha deliberato che la previsione in esame risulta vessatoria nella misura in cui prevede a carico del consumatore limitazioni della facoltà di opporre eccezioni e all’adduzione di prove, nonché inversioni o modificazioni dell’onere della prova nei confronti del professionista.
Se siete certi che l’Istituto di Vigilanza richiede i canoni mensili senza svolgere effettivamente il servizio pattuito allora i conti non tornano!!!Ebbene, a tal proposito, l’AGCM, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con provvedimento n. 24958/ 2014, ha deliberato la vessatorietà, ai sensi e per gli effetti dell’art. 33, commi 1 e 2, lettera t), del Codice del Consumo, della clausola di cui al punto 10 del contratto, per il servizio di vigilanza adottato da Securpol Group s.r.l. relativa alla presentazione dei reclami.
Nella specie, la clausola citata, negherebbe qualsiasi valore probatorio circa il corretto adempimento del servizio e priverebbe il cliente/consumatore di qualsiasi possibile mezzo di riscontro circa il corretto adempimento della prestazione contrattuale di Securpol.
Poichè, dunque per la sua formulazione, la clausola individua un’espressa ipotesi di preclusione di mezzi di prova che limita le possibilità del consumatore di dar prova dell’inadempimento del professionista, l’AGCM ha deliberato che la previsione in esame risulta vessatoria nella misura in cui prevede a carico del consumatore limitazioni della facoltà di opporre eccezioni e all’adduzione di prove, nonché inversioni o modificazioni dell’onere della prova nei confronti del professionista.
Se siete certi che l’Istituto di Vigilanza richiede i canoni mensili senza svolgere effettivamente il servizio pattuito allora i conti non tornano!!!
Nonostante i diversi reclami dei consumatori, certi del mancato svolgimento del servizio per l’assenza del rilascio dei biglietti di controllo,  la Securpol ai solleciti rispondeva: “Il nostro Istituto di Vigilanza non è obbligato a rilasciare i biglietti di controllo per provare lo svolgimento del servizio”.

Ebbene, a tal proposito,  l’AGCM, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con provvedimento n. 24958/ 2014, ha deliberato la vessatorietà, ai sensi e per gli effetti dell’art. 33, commi 1 e 2, lettera t), del Codice del Consumo, della clausola di cui al punto 10 del contratto, per il servizio di vigilanza adottato da Securpol Group s.r.l. relativa alla presentazione dei reclami.

Nella specie, la clausola citata,  negherebbe qualsiasi valore probatorio circa il corretto adempimento del servizio e priverebbe il cliente/consumatore di qualsiasi possibile mezzo di riscontro circa il corretto adempimento della prestazione contrattuale di Securpol.

Poichè, dunque per la sua formulazione, la clausola individua un’espressa ipotesi di preclusione di mezzi di prova che limita le possibilità del consumatore di dar prova dell’inadempimento del professionista, l’AGCM ha deliberato che la previsione in esame risulta vessatoria nella misura in cui prevede a carico del consumatore limitazioni della facoltà di opporre eccezioni e all’adduzione di prove,  nonché inversioni o modificazioni dell’onere della prova nei confronti del professionista.

Se siete certi che l’Istituto di Vigilanza richiede i canoni mensili senza svolgere effettivamente il servizio pattuito allora i conti non tornano!!!

HAI BISOGNO DI AIUTO??

Per informazioni ed assistenza di seguito i nostri recapiti

A.E.C.I. ROMA SUD

VIA CASILINA 185 – VALMONTONE (RM)

VIA DEI MERLI 2/4 – 00044 FRASCATI (RM)

Tel. 3481788786 -3249959867 - romasud@euroconsumatori.eu

AECI ROMA SUD non riceve alcun finanziamento da partiti e/o sindacati e si autofinanzia tramite le vostre tessere e contributi.


17 aprile 2018

Articolo a firma del responsabile Natalia Gioia che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: romasud@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Il sottoscritto, informato dell’identità del Titolare e Responsabile del trattamento dei dati, della misura, modalità con le quali il trattamento avviene, delle finalità del trattamento cui sono destinati i dati personali, del diritto alla revoca del consenso così come indicato nell’informativa sottoscritta ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679, ACCONSENTE ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo, al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di cui all’informativa allegata.



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO