La pronunzia della Corte Costituzionale sulla perequazione. Oggi 24.10.2017 prima Udienza.

REGIONE: SICILIA

Sono tanti i pensionati che aspettano un risultato sulla questione del diritto negato relativo al blocco della perequazione avvenuto negli anni 2012/2013.


Poche ore fa si è conclusa finalmente la tanto attesa udienza della Corte Costituzionale. La Corte dovrà esprimersi sulla “violazione dei principi di ragionevolezza, adeguatezza e proporzionalità, della irretroattività della legge di attuazione, della Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo riguardo ai principi della certezza del diritto e del legittimo affidamento. “


In molti Tribunali d'Italia come anche nelle varie sedi della Corte Dei Conti di molte regioni, i Giudici di prime cure hanno assunto Ordinanze adducendo la non manifestata infondatezza, pertanto, si sono avvalsi di rimettere gli atti alla Corte Costituzionale.


La materia di cui la Corte dovrà farsi carico riguarda infatti, la disciplina della perequazione dettata dal testo dell'ormai noto Decreto Legge 65/2015 convertito in Legge n. 109/2015.


I giudizi ormai consolidati dai Giudici ordinari hanno indotto gli stessi a lunghi rinvii di trattazione, orientati, per così dire, a sospendere ogni giudizio in attesa della decisione della Corte Costituzionale.


Tuttavia, ricordiamo la nota sentenza emessa dalla stessa Corte nel 2015 la n. 70 a seguito della quale, il Governo, ricorrendo ai ripari, ha elargito a titolo di acconto un somma di denaro nel mese di Agosto 2015.


In pratica, agli aventi diritto, cioè a quelli che percepivano una pensione superiore ai 1.405,00 euro mensili è stato riconosciuto una piccola parte di ciò che effettivamente vantavano. Il tutto, non dimentichiamo, ha creato tra i pensionati un falso affidamento, come si è rilevato infatti, in molti sono stati convinti di avere ricevuto dal Governo Renzi quanto realmente gli spettava di diritto.


Adesso , giunti quasi al termine, non ci resta che aspettare, l'attesa sarà difficile ed è pure astratto pronosticare gli esiti del giudizio, d'altro canto, l'aspetto importante su cui bisognerà riflettere sarà quello di augurarsi che la prevalenza sia quello dell'orientamento giuridico e non quello politico.


A questo punto rigorosamente parlando, tra alcuni mesi, sperando entro l'anno 2017, arriverà la tanto attesa Sentenza.


E' doveroso ricordare, nel caso di esito positivo, che rientreranno ad avere diritto di pretesa tutti quei pensionati i quali hanno inviato precedentemente lettera diffida ai loro Enti di previdenza di appartenenza. Inoltre, c'è da dire, che le diffide, oltre alla quantificazione delle spettanze, sono state fondamentali per sospendere i termini prescrizionali.

Per consulenza chiamare i numeri sotto descritti: 


                                                                                A.E.C.I. Associazione Europea Consumatori Indipendenti
                                                                                                                REGIONE SICILIA  
                                                                                           Via Vincenzo Di Marco n. 19 - 90143 Palermo
                                                                                            cell. 333.9445449  Tel / Fax 091 5080178 

                                                                                                e-mail: palermo1@euroconsumatori.eu 

24 ottobre 2017

Articolo a firma del responsabile Agostino Curiale che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: palermo1@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Compilando ed inviando il form il sottoscritto dichiara di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali [ vedi privacy ] e acconsentire al trattamento degli stessi.

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il sottoscritto DICHIARA di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali, ai sensi dell’art. 13 e ss del Reg. UE n. 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/04/2016

CONSENSO TRATTAMENTO DATI

Il sottoscritto, informato dell’identità del Titolare e Responsabile del trattamento dei dati, della misura, modalità con le quali il trattamento avviene, delle finalità del trattamento cui sono destinati i dati personali, del diritto alla revoca del consenso così come indicato nell’informativa sottoscritta ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, ACCONSENTE ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di cui all’Informativa al Trattamento dei Dati personali.

A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

CHIEDI AIUTO

MODULI