RESPONSABILITA’ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2043 E 2051 C.C.

REGIONE: SICILIA

Una buca sul manto stradale, una macchia d'olio, un dissesto in un marciapiede, sono tanti i possibili pericoli a cui l'utente della strada può andare in contro.

Se si verifica un incidente è però possibile, se sussistono determinate condizioni, ottenere il risarcimento del danno. 
In linea di massima
 i danni da insidie stradali sono risarcibili nel momento in cui l'anomalia si trova su una strada di apparente normalità e riveste le caratteristiche di un pericolo occulto, non visibile e non evitabile. 
La responsabilità della Pubblica Amministrazione può essere inquadrata o nell’ambito della fattispecie generale di responsabilità extracontrattuale di cui all’art. 2043 c.c. o in quella più specifica della responsabilità da cose in custodia prevista dall’art. 2051 c.c.

Il prevalente indirizzo giurisprudenziale ravvisa nella fattispecie di cui all’art. 2051 c.c. una presunzione di responsabilità a carico di colui che ha in custodia la cosa, il quale, per andare esente da responsabilità dovrebbe dimostrare il caso fortuito e cioè, secondo tale impostazione, dovrebbe dimostrare che il danno si è verificato per un evento non prevedibile né superabile con l’uso della normale diligenza adeguata alla natura della cosa.

Tale responsabilità si fonda, infatti, esclusivamente sul rapporto di custodia e sul nesso di causalità tra la res e il danno e nella struttura della norma non vi è spazio per una valutazione del comportamento del custode: questi non potrà liberarsi dalla responsabilità dimostrando di essere stato diligente, ma dovrà fornire la prova positiva del caso fortuito.

Dovrà fornire cioè la prova dell’esistenza di una causa a lui estranea che valga ad interrompere o ad escludere il nesso di causalità materiale tra la cosa in custodia ed il danno, rimanendo a suo carico la causa ignota.

In ogni caso, per le ipotesi di sinistri stradali causati dalla cattiva manutenzione di strade ed autostrade, va segnalata l’introduzione, nell’ambito della generale responsabilità di cui all’art. 2043 c.c., dei concetti di insidia e trabocchetto utilizzati per indicare una situazione di pericolo occulto e cioè, secondo una giurisprudenza ormai cristallizzata, una situazione caratterizzata dalla non prevedibilità ed invisibilità del pericolo.

Ne consegue che la P. A. è sempre soggetta al principio generale del neminem laedere di cui all’art. 2043 c.c. incontrando, nell’esercizio della sua attività, limiti derivanti non solo da norme di legge e regolamentari ma anche dalle comuni norme di diligenza e prudenza.

Tale limite fa sì che la P. A. sia tenuta ad evitare che dal bene possa generare una situazione di pericolo occulto (insidia o trabocchetto) caratterizzata dal duplice e concorrente requisito della non visibilità oggettiva e della non prevedibilità soggettiva.

Al danneggiato, pertanto, incombe l’onere di provare in giudizio l’insidiosità della situazione di pericolo e cioè la sua non prevedibilità né visibilità, mentre all’amministrazione pubblica spetterà di provare quei fatti impeditivi o modificativi che la liberano da responsabilità.

In altri termini se il cittadino chiede il risarcimento alla P.A. per i danni subiti dovrà dimostrare il nesso di causalità tra la cosa in custodia e l'evento dannoso, mentre la PA potrà esimersi da responsabilità dimostrando il "caso fortuito" che può essere integrato anche dalla colpa del danneggiato.

Una volta dimostrato il nesso di causalità tra la cosa e il danno, dunque, è sempre configurabile la responsabilità del custode. Quest'ultimo può però dimostrare che l'evento lesivo si è determinato a seguito del verificarsi del c.d. "casofortuito".
La Pubblica Amministrazione quindi 
può superare la presunzione di colpa e può farlo anche dando la prova che la situazione di pericolo è stata provocata dagli utenti o è insorta all'improvviso rendendo impossibile un tempestivo intervento.
Anche nella disciplina di cui all'art. 2051 c.c.,  il comportamento del danneggiato può avere rilevanza sotto il profilo del concorso di colpa e può in certi casi addirittura integrare una ipotesi di "
caso fortuito".
Detto questo la Cassazione ha anche chiarito che il carattere oggettivo della responsabilità ex art. 2051 c.c. fa sì che la stessa sia fondata sulla 
relazione intercorrente tra il custode e la cosa e non su un comportamento, un'attività o una particolare condotta, prudente o negligente, dello stesso, per cui affinchè possa configurarsi in concreto è sufficiente che sussista il nesso causale tra il bene in custodia e il danno arrecato (Cass. n. 8229/2010; 4279/2008; 28811/20008).

Ad assumere rilievo nell'evento lesivo, in sostanza, è la mera sussistenza del rapporto di custodia, quale "relazione di fatto, e non semplicemente giuridica, tra il soggetto (custode) e la cosa, che legittima una pronunzia di responsabilità ex art. 2051 c.c., fondandola sul potere di governo della cosa".
tale potere di governo si compone di tre elementi: "il potere di controllare la cosa, il potere di modificare la situazione di pericolo creatasi, nonchè quello di escludere qualsiasi terzo dall'ingerenza sulla cosa nel momento in cui si è prodotto il danno" (Cass. n. 5669/2010). 

Per consulenza chiamare i numeri sotto descritti: 


                                                                                A.E.C.I. Associazione Europea Consumatori Indipendenti
                                                                                                                REGIONE SICILIA  
                                                                                           Via Vincenzo Di Marco n. 19 - 90143 Palermo
                                                                                            cell. 333.9445449  Tel / Fax 091 5080178 
                                                                                                e-mail: palermo1@euroconsumatori.eu 


Vice Presidente  Arianna Picarella

15 maggio 2017

Articolo a firma del responsabile Agostino Curiale che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: palermo1@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Compilando ed inviando il form il sottoscritto dichiara di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali [ vedi privacy ] e acconsentire al trattamento degli stessi.

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il sottoscritto DICHIARA di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali, ai sensi dell’art. 13 e ss del Reg. UE n. 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/04/2016

CONSENSO TRATTAMENTO DATI

Il sottoscritto, informato dell’identità del Titolare e Responsabile del trattamento dei dati, della misura, modalità con le quali il trattamento avviene, delle finalità del trattamento cui sono destinati i dati personali, del diritto alla revoca del consenso così come indicato nell’informativa sottoscritta ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, ACCONSENTE ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di cui all’Informativa al Trattamento dei Dati personali.

A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

CHIEDI AIUTO

MODULI