“IL TAR DECIDE PER L’APERTURA DELL’AUTODROMO DI TARSIA E ANNULLA L’ORDINANZA DEL SINDACO SCAGLIONE.

REGIONE: CALABRIA

E’ stata da poco comunicata la sentenza finale della causa che ha visto al T.A.R. Calabria contrapporsi il proprietario dell’autodromo di Tarsia, sig. Antonio Martorano, e il Sindaco del Comune di Tarsia Francesco Scaglione. E’ stato, infatti, deciso,  nel merito, dalla  IIa Sezione del TAR di Catanzaro il processo con cui viene annullata l’Ordinanza di chiusura dell’autodromo di Tarsia che può, così, funzionare regolarmente.

L’ordinanza di chiusura era stata emanata dal Sindaco Francesco Scaglione e i provvedimenti esecutivi dal Comandante della Polizia Municipale Francesco Monaco, atti e provvedimenti con cui nell’estate 2012 il Comune di Tarsia aveva interdetto l’utilizzo dell’autodromo di Tarsia facendo saltare le gare di velocità programmate sulla pista in questione. Dopo la già ottenuta sospensiva cautelare, il Tar Calabria, anche nel merito dà ragione al proprietario del circuito Antonio Martorano il quale, difeso dall’avv. Livio Faillace, ottiene la meglio in un'altra battaglia giudiziaria incentrata questa volta sulla legittimità o meno dell’ Ordinanza di chiusura emanata dal Sindaco stesso. Con detta Ordinanza il Sindaco Scaglione inibiva l’utilizzo della pista per paventati motivi di incolumità pubblica, motivi legati anche alle scosse telluriche che avrebbero colpito la zona in questione. La difesa di Martorano si è avvalsa, tra l’altro, del Consulente tecnico di parte arch. Mario Mondilla da Castrovillari il quale ha dimostrato sul piano tecnico ed urbanistico la regolarità del circuito sportivo e il diverso epicentro tellurico che, invece, aveva colpito la zona del Pollino e non la zona di Tarsia. Soddisfatto l’avv. L. Faillace il quale dichiara come “il Tar Calabria ha, da sempre, fatto giurisprudenza in materia di Ordinanze sindacali contingibili ed urgenti e sin dalle prime pronunce in questa materia ha sottolineato come questi provvedimenti amministrativi possono essere emanati dal Sindaco di un Comune solo in presenza di determinati requisiti di “eccezionalità e imprevedibilità del pericolo” e di “impossibilità di utilizzare gli altri rimedi previsti dal sistema”, requisiti e presupposti che nel caso dell’Ordinanza emanata dal sindaco di Tarsia non sono stati riscontrati”.  Esprime soddisfazione il Vice-presidente della Lega Pista Italiana dott. Mangano il quale da Enna plaude alla sentenza del TAR Calabria “per essere questa una vittoria per lo sport tutto e non solo per Antonio Martorano”. “

Avv. Livio Faillace

21 luglio 2013

Articolo a firma del responsabile Pino D'urso che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: calabria@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Compilando ed inviando il form il sottoscritto dichiara di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali [ vedi privacy ] e acconsentire al trattamento degli stessi.

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il sottoscritto DICHIARA di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali, ai sensi dell’art. 13 e ss del Reg. UE n. 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/04/2016

CONSENSO TRATTAMENTO DATI

Il sottoscritto, informato dell’identità del Titolare e Responsabile del trattamento dei dati, della misura, modalità con le quali il trattamento avviene, delle finalità del trattamento cui sono destinati i dati personali, del diritto alla revoca del consenso così come indicato nell’informativa sottoscritta ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, ACCONSENTE ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di cui all’Informativa al Trattamento dei Dati personali.

A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

CHIEDI AIUTO

MODULI