ISS: FALSO ALLARME VACCINI CAUSA DI CENTINAIA DI DECESSI

15 aprile 2015

Associazione Consumatori
Roma - 15 aprile 2015  -  "Sono stati ampiamenti superati gli 8 mila decessi che di solito si verificano ogni anno in Italia dovuti all'influenza, probabilmente di centinai di casi, almeno stando ai primi dati che emergono dallo studio sugli effetti del calo di vaccinazioni che c'è stato nel Paese dopo il falso allarme di fine novembre. Un lavoro che stiamo elaborando all'Istituto superiore di Sanità (Issi) e i cui dati saranno disponibili a fine mese". Lo spiega all'Adnkronos Salute Walter Ricciadi, commissario dell'Iss.

A fine novembre all'Aifa furono segnalate decine di morte sospette avvenute dopo la vaccinazione influenzale con il Fluad prodotto dalla Novartis. Gli accertamenti 'scagionarono' il vaccino, ma la vicenda influì sulla campagna di immunizzazione: "Lo studio che stiamo portando avanti indaga proprio su questo. Il calo delle vaccinazioni c'è stato - precisa Ricciardi - i primi dati indicano almeno del 25-30%".ù

FONTE: ADN KRONOS

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Compilando ed inviando il form il sottoscritto dichiara di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali [ vedi privacy ] e acconsentire al trattamento degli stessi.

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il sottoscritto DICHIARA di aver preso visione dell’Informativa al Trattamento dei Dati personali, ai sensi dell’art. 13 e ss del Reg. UE n. 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27/04/2016

CONSENSO TRATTAMENTO DATI

Il sottoscritto, informato dell’identità del Titolare e Responsabile del trattamento dei dati, della misura, modalità con le quali il trattamento avviene, delle finalità del trattamento cui sono destinati i dati personali, del diritto alla revoca del consenso così come indicato nell’informativa sottoscritta ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, ACCONSENTE ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679 e sue integrazioni e modifiche, al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di cui all’Informativa al Trattamento dei Dati personali.

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]