RC AUTO GRATIS PER 1 ANNO A CHI COMPRA AUTO NUOVA. IVASS APRE ISTRUTTORIA PER PRATICA INGANNEVOLE

Roma - 09 marzo 2015  - L’Ivass avvia un’indagine sull’RC auto gratuita per un anno, concessa a chi acquista un’auto nuova: il dubbio è che si tratti di una pratica ingannevole, come hanno segnalato già le Associazioni dei consumatori. L’Ivass avverte gli automobilisti: rischio di aumenti considerevoli negli anni successivi. Tre consigli per non sbagliare: verificare che la polizza sia intestata a proprio nome, leggerne le condizioni (bonus-malus o franchigia) e affidarsi ad un intermediario di fiducia.


L’Ivass, Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, ha diffuso oggi un comunicato in cui avverte i consumatori dei rischi legati alla pratica, utilizzata di recente dalle compagnie assicurative, di offrire l’RC auto in omaggio per un anno a chi acquista un’auto nuova. I rischi sono che, alla fine del periodo di promozione, a causa delle modalità con cui le polizze vengono offerte e delle loro caratteristiche, gli assicurati possono perdere i benefici, per sé e per i propri familiari, della classe di merito acquisita prima dell’offerta, compresi i benefici riconosciuti dalla Legge n. 40/2007 (decreto Bersani), con notevole aumento dei premi successivi.

Se la polizza gratis è a libro matricola e/o con franchigia, una persona assicurata da più anni con formula tariffaria Bonus Malus, dopo anni di condotta meritevole per non aver commesso sinistri, per il solo fatto di aver accettato la polizza gratuita, si vede interrotta la storia assicurativa pregressa e, al termine del periodo promozionale, se vuole tornare ad una tariffa Bonus-Malus, il suo contratto viene inserito nuovamente in classe di ingresso (14 o addirittura 18). Si trova così a pagare, l’anno dopo, un premio molto più elevato rispetto a quello che avrebbe pagato se avesse rifiutato l’offerta della polizza gratuita ed avesse continuato ad essere assicurato per proprio conto.

Inoltre, la promozione annulla i benefici della legge Bersani per i neopatentati che hanno il diritto di beneficiare della classe di merito di un familiare, ma solo se al momento in cui acquistano l’auto (nuova o usata), stipulano il primo contratto come proprietari di questa macchina. 

Al termine del periodo di copertura gratuita, invece, il ragazzo sta assicurando per la seconda volta una macchina già di sua proprietà, perdendo così l’agevolazione riservata esclusivamente ai nuovi acquisti di veicoli neo immatricolati o volturati e ad una prima assicurazione. Anche in questo caso si trova a pagare un premio molto più elevato rispetto a quello che avrebbe pagato se avesse rifiutato l’offerta della polizza gratuita e si fosse assicurato per proprio conto, sfruttando il decreto Bersani.

L’Ivass ha dunque avviato un’indagine su questa pratica, anche grazie anche alle segnalazioni delle Associazioni dei consumatori che, da tempo, ne denunciano l’ingannevolezza.
Konsumer Italia l’aveva denunciato lo scorso 7 gennaio: l’RC Auto gratis per un anno è una pratica ingannevole e sleale poiché “al termine del periodo promozionale, a causa delle modalità con cui le polizze vengono offerte (contratto a “libro matricola” non intestato al singolo assicurato) e delle loro caratteristiche (formula con franchigia, anziché con la tradizionale formula Bonus-Malus), gli assicurati possono perdere i benefici della classe di merito acquisita prima dell’offerta. Inoltre si rischia di perdere, per sé e per i propri familiari, anche i benefici riconosciuti dal decreto Bersani che consente, in caso di acquisto di un nuovo veicolo, di ereditare la classe di merito già acquisita su altro veicolo.

 La perdita di tali benefici si traduce per il consumatore in un notevole aumento dei premi successivi da pagare”.

“Non possiamo che ringraziare IVASS di aver accolto i nostri suggerimenti – dichiara soddisfatto Fabrizio Premuti, Presidente di Konsumer Italia − arrivati direttamente da centinaia di cittadini che si sono rivolti ai nostri uffici sul territorio denunciando il comportamento delle compagnie. In molte, alla fine dell’anno, non consentono di rientrare in possesso del proprio contratto con l’evoluzione del bonus malus corretta e comprensiva dell’anno trascorso. Molte imprese assicurative, infatti, non intendono assicurare a franchigia o proprio non offrono nel listino questo tipo di tariffa; così il consumatore si trova nella condizione di dover rinunciare al proprio attestato bonus malus, continuando ad essere ostaggio della polizza collettiva pur non avendo compiuto una scelta consapevole”.
“Il rischio di perdere la classe di merito maturata e di dover pagare, per gli anni successivi, premi più elevati, non risulta adeguatamente rappresentato ai consumatori, come confermato dalle segnalazioni pervenute”, ribadisce l’Ivass. (fonte helpconsumatori)


Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]