STRISCE BLU' A PALERMO: Illegittime le aree sottoposte a parcheggio a pagamento.

REGIONE: SICILIA

Qualche anno addietro, il sindaco Diego Cammarata  tracciò la città di Palermo con le strisce blu, destinò molte aree di Palermo a parcheggio a pagamento, in assenza di zone destinate a libero parcheggio  che garantissero  la possobilità equa di sosta per gli automobilisti come sancito dalla legge.

Un'altra illegittimità scaturisce dal fatto che le strisce blù tracciate, risultano  in contrasto con la legge, in quanto, fanno parte della carreggiata, teoricamente dovrebbero essere poste al di fuori dell'area di scorrimento dei veicoli.

Il Giudice di Pace Antonino Lazzara con la sentenza del 18/06/2010 con pronuncia : " Il sindaco può vietare o limitare o subordinare al pagamento il parcheggio o la sosta dei veicoli art. 7, tuttavia non sarebbe legittimo far pagare la sosta in aree poste all'interno della carreggiata. La sentenza inoltre rileva anche l'insussistenza di aree gratuite nelle adiacenze  evidenziando l'illegittimità.

Il Giudice Vincenzo Vitale con sentenza del 06/04 sostiene che: il parcheggio deve essere posto fuori dal flusso della circolazione.

Un'altra questione da tenere in considerazione della illegittimità delle strisce blu è la scadenza delle convenzioni con l'AMAT una delle società che gestisce le strisce blu, l'assegnazione a titolo gratuito si è protratto fino al 31/12/2008  senza alcuna proroga dei termini, con la conseguenza che non può essere considerata valida per tacito assenso.

Il Comune di Palermo non ha fornito alcuna prova in merito all'adozione di un provvedimento di proroga dell'efficacia della concessione.

Il Tar Sicilia con la sentenza 842/08 si era già a sua volta pronunciato sulla validità di strisce blù e Zone a Traffico Limitato, annullando perchè illegittime, tutte le ordinanze sindacali e tutti gli atti preordinati connessi e consequenziali in assenza di un Piano Urbano del Traffico.

A.E.C.I.
Agostino Curiale





 

18 maggio 2013

Articolo a firma del responsabile Agostino Curiale che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: palermo1@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO