TELECOM PROMETTE PC A 400 EURO FATTURATI A 1200

22 marzo 2011

LA TELECOM CI RICASCA. DOPO ALADINO (i telefoni cordless appioppati a consumatori ignari) TELECONOMY CAFE’ ED ALTRO LA TELECOM RISPOLVERA VECCHI METODI MA SEMPRE FUNZIONANTI.

La tecnica sembra è già sperimentata e molto semplice:operatori Telecom(o che si presentano a nome di Telecom) propongono telefonicamente a utenti Telecom (meglio se professionisti) l’acquisto di un PC o di un Notebook a un prezzo interessante, da pagare in comode rate addebitate sulla bolletta telefonica.

Alla prima fattura purtroppo ci si rende conto che,anziché i 400-500 euro promessi telefonicamente, il PC può arrivare a costare anche 1.100 euro, sino a 1.400 euro più IVA..

Purtroppo. Perché quando si riceve la prima fattura è ormai troppo tardi, nel caso si tratti di un consumatori, per esercitare il diritto di ripensamento (entro 10 gg. dall’acquisto). Ma il metodo è stato meglio affinato. Telecom ha capito che molti clienti sono piccoli professionisti. Artigiani, consulenti con partita iva. Questa tipologia di clienti non è tutelata dalla leggi che sono state pensate per i consumatori.

Ricordiamo infatti che il DIRITTO DI RIPENSAMENTO può essere esercitato solo dal consumatore e non dall'azienda o dal titolare di partita IVA, a meno che lo stesso diritto non sia espressamente previsto espressamente da una clausola sul contratto sottoscritto. Inutile dire che il contratto Telecom in questione non indica espressamente questa clausola. Sembrerebbe pensata proprio bene.

RICAPITOLIAMO

Il professionista viene contattato da un operatore che promette un pc portatile al costo di 400 euro (costo reale di mercato per quella tipologia di prodotti) da pagare in comode rate. Insomma un affare e nulla induce a pensare che la promessa sia farsesca. Anche perché l’operatore non promette la vendita della Fontana di Trevi ma un portatile a 400 euro.

CHE FARE?

Se si è  interessati alla proposta ricevuta, il professionista deve chiedere chiaramente all’operatore il costo del PC, soprattutto, farsi inviare la proposta scritta (via fax o mail, per esempio). Sconsigliamo adesioni solo su proposte verbali. Nel caso in cui invece la proposta è stata accettata:

SE SE SI E’ CONSUMATORI

·         entro 10 gg. dall’acquisto: potete esercitare il diritto di ripensamento, scrivendo una raccomandata a/r a Telecom, rendendovi disponibili a restituire il PC (con il relativo imballo);

·         dopo 10 gg. dall’acquisto: inviate un reclamo a Telecom tramite raccomandata a/r con la richiesta di applicare l’offerta cui avevate aderito.

 

SE NON SI E’ CONSUMATORI

 

·         Inviare una raccomandata entro la scadenza della fattura per contestare l’addebito e la modalità ed è inoltre possibile pagare le fatture.

SIA PER CONSUMATORI CHE PER PROFESSIONISTI

Si ricorda che, in caso di reclamo e contestazione fattura, è necessario pagare la fattura Telecom entro i termini di scadenza previsti per la parte non oggetto del reclamo.

Se l’esito o la risposta di Telecom non dovesse soddisfae, potete fare istanza di Conciliazione presso i CO.RE.COM. (Comitato Regionale per le Comunicazioni) regionali. Informazioni e procedure sul sito dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (www.agcom.it) o presso le Associazioni di Consumatori.

Come sempre, informazioni e assistenza presso le sedi A.E.C.I. sul territorio, sulla Chat on Line e scrivendo a helpdesk@euroconsumatori.eu.

Segnalate ad A.E.C.I. la vostra esperienza.



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]