PARENTOPOLI: DEVONO PAGARE GLI AMMINISTRATORI

13 dicembre 2010

PARENTOPOLI: INIZIAMO A FAR PAGARE GLI AMMINISTRATORI

A.E.C.I. LAZIO CHIEDE CHE I PRIMI A PAGARE SIANO GLI AMMINISTRATORI E NON LE FASCE PIU’ DEBOLI

Ci saremmo aspettati da Alemanno una reazione diversa. Invece a pagare sono sempre i deboli e la povera gente. Quelli che pur di lavorare sono costretti ad usare amicizie e raccomandazioni in un paese dove la meritocrazia è un termine sconosciuto, in un paese dove i meritevoli non vengono assunti e si trovano a vagare alla ricerca di un posto di lavoro per anni. 

In questo paese lavori solo se hai amicizie che contano. Solo se hai un cognome o un'amicizia che conta. Licenziare coloro i quali sono stati assunti grazie alla raccomandazione non significa risolvere il problema. È come amputarsi un braccio che può essere in realtà guarito. La soluzione al problema non è certamente creare delle regole ma eliminare coloro i quali non sono in grado di amministrare o, peggio ancora, amministrano con ingordigia e pensando innanzitutto al tornaconto personale.

CHI DEVE PAGARE E’ CHI QUESTO SISTEMA LO HA PERMESSO per incapacità personali o per interesse diretto. È ovvio infatti che questo sistema è costruito anche per assicurarsi le benevolenze e quindi i voti futuri di molte più persone. E l’Italia va a rotoli. Roma è una città che è accerchiata dalla mala- amministrazione.

Buche ovunque come nel bilancio. Sporcizia ovunque come negli organi amministrativi. Ritardi e disservizi di ovunque (non solo degli autobus) ma soprattutto di un’amministrazione cieca e sorda. Roma è sporca, piena di buche la mobilità pubblica è da terzo mondo (come già sostenuto in altri comunicati stampa). E le municipalizzate oltre a fornire disservizi ai cittadini romani che pagano le tasse offrono buchi di bilancio spaventosi che si riversano sempre ai danni dei cittadini. 

Vogliamo ricordare che si potrebbe fare con i soldi che le municipalizzate stanno sperperando. 

PIÙ ASILI NIDI 

RIFACIMENTO DI STRADE ORMAI COLABRODO

PIÙ PARCHEGGI 

PIÙ SOLDI PER I MENO FORTUNATI

PIÙ SERVIZI PUBBLICI PER I CITTADINI

STRADE PULITE

BAGNI PUBBLICI

RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA

PIÙ CULTURA E QUINDI PIÙ TURISMO E QUINDI PIÙ SOLDI PER I COMMERCIANTI ROMANI

INCENTIVI PER ACQUISTI VARI (per favorire anche i commercianti) 


L’elenco è solo un accenno di molti altri servizi che con i soldi che questi amministratori stanno sperperando si potrebbero mettere in atto per fare ciò che la politica ormai non fa. Oggi fare politica significa innanzitutto pensare al proprio tornaconto. 

A.E.C.I. LAZIO crede che sia arrivato il momento di rovesciare il sistema e di cominciare a tagliare (virtualmente si intende) le teste degli amministratori che hanno sbagliato proprio per mettere in atto una cura risolutiva anche per le generazioni future. Se a pagare non sono coloro che sbagliano (i politici) gli amministratori che verranno (cioè i nuovi politici) continueranno ben sapendo che difficilmente non saranno loro a pagare.



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]