AIAZZONE: GRAVI DISAGI AI CONSUMATORI

2 settembre 2010

Numerose le segnalazioni che lo sportello telematico di A.E.C.I. (helpdesk@euroconsumatori.eu) ha accolto nelle ultime settimane sul mobilificio AIAZZONE.

 

Una famiglia di Lodi, per esempio, nel 2008 decide di acquistare presso il mobilificio AIAZZONE di Trezzano sul Naviglio l’intero mobilio per la casa nuova -valore di € 45.000 - con consegna della merce al termine dei lavori.

A gennaio 2010 (a casa finita), la famiglia autorizza la consegna dei mobili, ma il mobilificio richiede il versamento di altri 8.000 €, oltre ai 45.000 € previsti dal contratto.

 

Molti i consumatori che segnalano la mancata consegna dei mobili, anche dopo l'inizio del pagamento. Altri lamentano rilevanti ritardi, ben oltre le 4/6 settimane promesse anche sul sito.

 

Una signora, dopo l'acquisto e il pagamento di mobili per un totale di 1.500 €, e a causa del ritardo nella consegna, decide di annullare il contratto. AIAZZONE accetta l’annullamento del contratto, ma sono mesi che la signora aspetta la restituzione dei soldi pagati contestualmente alla sottoscrizione del contratto.

 

A.E.C.I., dopo le prime segnalazioni, ha subito verificato il contratto che il mobilificio fa sottoscrivere ai clienti e ha deciso di attivarsi presso le sedi di competenza.

 

Rileviamo che non solo AIAZZONE e la B.&S. S.p.A., società che fa sottoscrivere il contratto di vendita nei negozi AIAZZONE (gestiti in Franchising), tutelano nei propri contratti esclusivamente i mobilifici AIAZZONE, in totale contrasto con le leggi vigenti a tutela dei consumatori, ma che tali contratti sono pieni di clausole vessatorie.

 

Ricordiamo che, come previsto dall'art. 33 del Codice del Consumo (D. Lgs 206/2005), nei contratti tra consumatore e professionista sono definite vessatorie quelle clausole che, malgrado la buona fede, determinano un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto, a svantaggio del consumatore.

 

E il contratto che la B.&S. S.p.A., e quindi AIAZZONE, fa sottoscrivere? Vediamo nel dettaglio solo le clausole più eclatanti nel contratto in possesso di A.E.C.I.

 

Iniziamo dall’art. 5 – AIAZZONE stabilisce che la data espressa sul contratto è indicativa e non si assume la responsabilità in caso di richiesta danni. Sono inoltre previste penali a danno del consumatore, in caso di difficoltà nella consegna della merce e/o richiesta di rinvio della data di consegna della merce. Non sono invece previste penali se il ritardo è per causa del venditore.

 

Art. 7 - Per ogni giorno di ritardo nella consegna della merce, si prevede una penale pari al 3% del valore della merce, naturalmente a danno del consumatore. La stessa cosa non vale se le cause del ritardo sono imputabili al venditore. Notevole e palese squilibrio tra le parti.

 

Art. 17 - Il foro competente previsto dal contratto è il Tribunale di Tivoli e non quello del consumatore. Segnaliamo che, con l’entrata in vigore del Codice del Consumo (D.Lgs. 206/2005), occorre distinguere tra il foro esclusivo del consumatore (art. 1469 bis, comma 3, n. 19 c.c., ora riprodotto nell’art. 33, comma 2 del citato d.lgs.) - che prevede una competenza territoriale esclusiva, ma derogabile con clausola che sia stata oggetto di trattativa individuale e la competenza inderogabile del foro del luogo di residenza del consumatore, prevista dall’art. 63 del Codice del Consumo solo per le controversie riguardanti i contratti negoziati fuori dai locali commerciali.

 

Dopo le segnalazioni dei consumatori e dopo aver analizzato il contratto che AIAZZONE fa sottoscrivere, A.E.C.I. ha chiesto all’Antitrust di intervenire e verificare le modalità commerciali praticate dalla B.&S. S.p.A., e quindi da AIAZZONE, e  invita tutti i consumatori, che si sono ritrovati con mancate e/o ritardi di consegna merce o problemi simili, a richiedere il risarcimento dei danni subiti.

 

A.E.C.I., come sempre, mette a disposizione di tutti i cittadini le proprie sedi e i propri esperti per ottenere il giusto ristoro ai disagi sopportati a causa di AIAZZONE



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]