70/80 MILA BOLLETTE PAZZE. ACEA E’ IN STATO CONFUSIONALE

18 aprile 2013

In questi giorni la nostra associazione di consumatori si è più volte occupata dell’operatore energetico romano ormai in completo stato confusionale.

Allo stato dei fatti la nostra associazione di consumatori prevede circa 70/80mila fatture impazzite (stima approssimativa e non dimostrata) e a subirne gli effetti saranno, come sempre, i clienti/consumatori che ACEA non considera proprio come degni del proprio rispetto.


Di fatto il rapporto con le associazioni di consumatori dimostra la volontà di questa azienda di mediare con i propri clienti. Non riconosce le associazioni di consumatori ma, cosa ancora più grave, non risponde ai reclami e spesso distacca utenze per fatture non pagate ma su base stimata dei consumi.

Il paradosso. Il paradosso perché ACEA DISTRIBUIZIONE è la proprietaria della linea e quindi dei contatori.

La nostra associazione di consumatori in questi giorni sta inviando reclami a mezzo raccomandata e segnalazioni all’Autorità Garante per l’Energia Elettrica ed il Gas. Tutto questo provocherà una pioggia di indennizzi che ACEA dovrà pagare per le proprie malefatte e successive sanzioni dell’Autorità.

A.E.C.I. | ASSOCIAZIONE EUROPEA CONSUMATORI INDIPENDENTI invita i consumatori a riferirsi agli sportelli sparsi per il territorio per difendersi da tale situazione.

A.E.C.I. è un Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHE' FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHE' ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]