CONDOMINIO: Opposizione al decreto ingiuntivo per morosità

REGIONE: SICILIA

Per la morosità dei condomini l'unica strada da imboccare è quella aperta dall'art. 63 DD.AA 1 comma del C.c. Dispone infatti l'articolo che, per la riscossione delle spese in base alla ripartizione decisa dall'assemblea, l'amministratore può ottenere decreto d'ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione. Il che significa che il giudice, basandosi sulle prove portate dall'amministratore, può ingiungere di pagare da subito le spese al moroso. Anche se quest'ultimo si oppone al decreto è costretto a pagare lo stesso.

L'eventuale opposizione al D.I. da parte del moroso deve vertere solo sulle irregolarità del decreto stesso (per esempio: l'assemblea non ha approvato la ripartizione delle spese o i calcoli sono errati) ma non può riguardare altre materie (per esempio: la delibera assembleare di approvazione era nulla o era annullabile ed è stata impugnata, le spese di lavori dovevano essere ripartite in modo differente) che saranno al massimo oggetto di una causa a parte promossa dal moroso o presunto tale.

A.E.C.I. Palermo 1
Agostino Curiale

20 novembre 2012

Articolo a firma del responsabile Agostino Curiale che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: palermo1@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!

A.E.C.I. è un Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHE' FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHE' ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI