Le Bollette liberalizzate gioie e dolori

REGIONE: TOSCANA

Il decreto sulle "liberalizzazioni" ha 12 anni ma reali benefici per i consumatori non se ne sono visti che pochi e le bollette sono diventate care ed incomprensibili.

Leggere ed interpretare correttamente la bolletta dell’energia elettrica può risultare difficile a chi non è abituato ad alcune voci. Tuttavia, risulta l’unico modo in cui possiamo essere sicuri di non pagare più del dovuto e di conoscere quanto è il nostro consumo di elettricità reale per essere liberi di scegliere il fornitore che più ci piace, dando applicazione “vera” allo spirito della legge, che purtroppo a nostro avviso è stato stravolto. Comunque per scegliere dobbiamo capire a fondo e sapere leggere la bolletta.

La bolletta è sempre divisa in almeno tre parti: Sintesi, Dettaglio e Comunicazioni; se avete scelto di fare il pagamento attraverso Bollettino Postale lo troverete prestampato in un foglio aggiuntivo. Inoltre, si possono aggiungere altri fogli con promozioni o informazioni.

Troverete i vostri “Dati cliente”, ossia il Numero Cliente (importante per tutte le comunicazione tra voi e il fornitore) e il Codice Fiscale dell’intestatario della fornitura.

Ogni fornitura viene identificata dal Codice POD (dell’inglese Point Of Delivery), un codice europeo che determina in modo preciso dov’è ubicato il punto di prelievo dell’energia. Subito sotto si può trovare il Numero di Presa, che identifica il collegamento del contatore al punto di distribuzione, ma questa voce non è sempre presente. Non c’è bisogno di ricordare questi dati: per ogni eventuale comunicazione con il fornitore, basta che abbiate a disposizione il vostro Numero Cliente.

In seguito i numeri per il Servizio Clienti, Segnalazione Guasti, Informazioni e Reclami Scritti.

Il riquadro centrale e più visibile della bolletta è quello dove si trova il Totale da Pagare, la Data di Scadenza, il Numero e la Data del documento, il Periodo a cui fa riferimento l’importo e la situazione dei precedenti pagamenti.

Che offerta e che tipo di contatore ho?

Sotto il quadro centrale a sinistra, troverete un riquadro con il Riepilogo del vostro contratto: l’Uso (domestica, residente o non residente),

 la Tipologia dell’Offerta che avete scelto e la Tensione di Fornitura;

la Potenza Contrattualmente Impegnata, cioè quella che avete richiesto alla data della stipula del contratto;

la Potenza Disponibile invece è la massima potenza prelevabile, oltre alla cui il contatore scatterà e si dovrà procedere alla sua riattivazione manuale. La potenza disponibile corrisponde alla potenza contrattualmente impegnata aumentata del 10%. 

la tipologia del contatore installato;

·        se avete un Contatore Elettronico Gestito per Fasce (EF), vuol dire che è in grado di misurare la energia delle diverse fasce orarie (F1, F2, F3).

·        Invece, il Contatore Elettronico Gestito Monorario (EM) non è capace di fare questo tipo di misurazioni.

·        Se avete ancora un contatore del vecchio tipo verrà riportato come Contatore Tradizionale (T).

l’ultimo dato: il Consumo Annuo in kWh, ossia, il consumo fatturato degli ultimi 365 giorni rispetto al periodo indicato in bolletta.

A che periodo si riferisce?

Sotto questo riquadro ne troverete un altro: il Riepilogo Letture e Prelievi, ossia il periodo a cui si riferiscono i consumi della vostra fattura.

La prima colonna del riquadro contiene la lettura iniziale o Lettura Precedente e la seconda si riferisce a quella finale, indicata come Lettura Attuale

Fate attenzione che sotto quest’ultima voce troverete la parola “Rilevata” se è stata presa direttamente dal contatore, “Stimata” se calcolata dal fornitore come la migliore stima dei consumi storici in mancanza di letture rilevate o “Autolettura” se è stata comunicata da voi.

A questo proposito se desiderate evitare consumi “stimati” (che sono comunque sempre in eccesso) dovete comunicare nei giorni previsti al numero verde la lettura reale del contatore, e quini sarete sicuri di pagare quello consumato. (evitando di anticipare somme senza corrispettivo di interessi alle varie compagnie!)

Nell’ultima colonna si trova il Consumo di riferimento della bolletta espresso in kWh (chilowatt/ora).

Se il vostro contatore è programmato per rilevare i consumi in fasce orarie, troverete tre letture: F1, F2 ed F3; nelle varie fasce; quei prezzi differenziati vengono concessi solo se si ha una tariffa a maggior tutela bioraria.

In breve, La voce Totale Energia Elettrica Fornita ed Imposte è la somma del Totale Servizi di Vendita, Totale Servizi di Rete e Totale Imposte (quest’ultima non è sempre presente).

Alla cifra così calcolata viene aggiunta l’Iva del 10%, per ottenere il Totale della Bolletta.

Imparare a leggere la bolletta consente al cliente di conoscere la sua situazione energetica, per eventualmente cambiarla cercando la tariffa energia elettrica più conveniente.

Comunque fate attenzione alle offerte che i vari fornitori Vi propongono, poiché gli sconti e le promozioni sono esclusivamente su una sola parte della bollette cioè sulla Quota Energia, il trasporto il dispacciamento e le tasse sono uguali per tutti!

Ma soprattutto siate Voi consumatori a scegliere, sapendo che comunque i risparmi alla fine saranno sempre contenuti e non accettate offerte e imposizioni di nessuno.

Tenete di conto dei Vs. dati sensibili, non comunicandoli a nessuno senza firmare moduli in bianco, senza far vedere a nessuno le Vs. bollette, e diffidando da telefonate o visite che vi regalano, perché Donato è morto e Regalo sta male.

Ultimamente abbiamo avuto segnalazioni da dei consumatori, che oltre all’aggressività ormai già denunciata di promotori senza scrupoli (firme apocrife contratti mai compilati ecc), anche di telefonate che spacciandosi per L’autorità Garante dell’energia e del Gas chiedono dati sensibili adducendo che hanno diritto a sconti sull’energia!!!!!!

Abbiamo segnalata il tutto alle autorità competenti, ma comunque Aeci Toscana invita alla massima attenzione, invitando chi fosse incappato in questa nuova “trappolona” a comunicarlo alle nostra sede più vicina.

Empoli 05 settembre 2012

AECI TOSCANA

Spinelli Fabrizio

 

 

5 settembre 2012

Articolo a firma del responsabile Fabrizio Spinelli che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: toscana@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO