Riscossione Sicilia: Definizione Agevolata D.L. n. 193/2016 (Rottamazione cartelle)

REGIONE: SICILIA

Il 24 ottobre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge n. 193 del 22.10.2016  nel quale, all’art. 6, è prevista una sanatoria per i carichi inclusi in ruoli e/o affidati all’Agente della riscossione dal 2000 al 2015. Entro il 23 gennaio 2017 (90 giorni dalla pubblicazione del decreto), sarà possibile aderire a tale opportunità che prevede – anche – il pagamento rateale (max 4 rate trimestrali).

I carichi interessati – La sanatoria riguarda tutti i carichi per i quali la riscossione è stata affidata all’Agente della riscossione dal 2000 al 2015, tranne quelli espressamente esclusi dalla norma, e cioè: iva sulle esportazioni, recupero aiuti di Stato, crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei Conti, multe, ammende e sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna. Le multe per violazioni al Codice della Strada restano escluse dalla sanatoria generale, ma non saranno più dovuti gli interessi. Per aderire alla sanatoria è necessario presentare domanda all’Agente della riscossione.

Cosa si paga e cosa si risparmia – La sanatoria consente di definire i carichi pagando l’imposta, gli oneri di riscossione, i diritti esecutivi e di notifica, mentre le voci che non devono essere pagate riguardano le sanzioni per il mancato pagamento, gli interessi di mora e gli interessi di maggiore rateazione.

Per chi ha già rateizzato – Chi già usufruisce di una maggiore rateazione può comunque decidere di aderire alla sanatoria a condizione che siano effettuati tutti i versamenti previsti al 31 dicembre 2016. In tal caso la sanatoria riguarderà solo le somme dovute per le rate rimanenti e quanto già in precedenza versato rimane definitivamente acquisito e non è rimborsabile.

Tempistica e modalità per i versamenti – Si potrà scegliere, all’atto della domanda, se versare il dovuto in unica soluzione o in un massimo di quattro rate: il decreto prevede che le prime tre rate dovranno essere versate entro il 15 dicembre 2017, la quarta entro il 15 marzo 2018. L’Agente della riscossione, entro il 24 aprile 2017 (180 giorni dopo la pubblicazione del D.L. in Gazzetta Ufficiale) comunicherà l’ammontare complessivo da pagare e la scadenza delle rate. Il pagamento potrà essere effettuato mediante domiciliazione sul conto corrente, tramite i bollettini RAV allegati dall’Agente della riscossione alla suddetta comunicazione, oppure direttamente agli sportelli dell’Agente stesso.

Presentazione della domanda – La dichiarazione di adesione alla definizione agevolata può essere presentata dal contribuente presso gli Sportelli dell’Agente della riscossione o tramite PEC/mail inviando il modulo debitamente compilato in ogni sua parte, unitamente alla copia del documento d’identità.

9 novembre 2016

Articolo a firma del responsabile Agostino Curiale che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: palermo1@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO