LE OBBLIGAZIONI BANCARIE...E LE OBBLIGAZIONI SUBORDINATE??TRASPARENZA E CORRETTEZZA DELL'ISTITUTO BANCARIO

REGIONE: LAZIO

 

Le Obbligazioni sono un titolo di credito che rappresenta una parte di debito acceso da una società o da un ente pubblico per finanziarsi. Garantisce all'acquirente il rimborso del capitale più un interesse (distribuito attraverso cedole). Sono emesse allo scopo di reperire, direttamente tra i risparmiatori e a condizioni più vantaggiose rispetto a quelle dei prestiti bancari, capitali da investire e, l'investitore, beneficia di un tasso maggiore rispetto a quello di un investimento in liquidità.

Qual è la differenza con un’azione? La divisione tra azioni e obbligazioni (gli americani direbbero fra equity e debt) è una delle ripartizioni fondamentali della finanza, anche se negli ultimi anni la nascita di una serie di “strumenti ibridi” ha creato un po’ di confusione sulla linea di confine.

La distinzione fra capitale di rischio e debito rimane però, ad oggi, fondamentale per capire che genere di investimento un risparmiatore sta facendo.  Quando si compra un’azione di una società si diventa soci (azionisti) dell’azienda e quindi si partecipa al capitale di rischio e di conseguenza ci si sottopone a una maggiore incertezza, in cambio di rendimenti probabilmente più elevati. Chi invece acquista un’obbligazione (in inglese bond) compra parte del debito di una società (o di uno Stato) e ne diventa soltanto creditore. In teoria dunque, a meno di un default (cioè di un fallimento) della società o dello Stato in questione, il creditore deve riavere a una scadenza prefissata il capitale sottoscritto più gli interessi previsti dal contratto. Nel Codice Civile italiano le obbligazioni sono descritte dagli articoli 2410 e seguenti.

A questo punto nascono però le prime distinzioni perché, in caso di default di una società, esistono varie gerarchie di risarcimento: la categoria degli obbligazionisti, al suo interno, viene divisa tra chi possiede un bond senior, che viene pagato per primo, e chi possiede un bond subordinato, che viene risarcito in subordine.

La vicenda di Banca Marche, Banca Etruria, CariChieti e Cassa Ris. Ferrara ha fatto conoscere all’opinione pubblica tali obbligazioni: cosa sono e perché hanno un alto rischio?

Vogliamo chiarire ai consumatori cos'è una obbligazione subordinata, cosa è il rischio ad essa correlato ed in particolare qual'è la perdita che deriva da simili investimenti.

Le obbligazioni subordinate si distinguono, infatti, dalle altre obbligazioni non in base al tipo di tasso, ma per la tipologia di rischio. Si tratta di titoli con rischio più elevato rispetto a quello delle obbligazioni ordinarie e pertanto sono caratterizzate da un maggior rendimento, rappresentano spesso un'alternativa al più costoso collocamento di azioni. Quelle subordinate sono una speciale categoria di obbligazioni il cui rimborso – nel caso di problemi finanziari per l’emittente - avviene successivamente a quello dei creditori ordinari. Non è sempre chiaramente evincibile dalla documentazione sottoposta all’investitore/consumatore il reale rischio a cui ci si espone e le effettive caratteristiche dell’obbligazione che, possono essere diverse da quelle ipotizzate sulla base di informazioni sommarie. L’investitore, in particolare, deve essere oggi consapevole di fare un investimento di lungo termine, molto simile ad un investimento azionario. Alcune di queste obbligazioni (tipo Tier 1 e per alcuni Upper Tier 2) possono prevedere la cancellazione delle cedole e di parte del capitale, senza che si debba giungere ad una vera e propria insolvenza dell’emittente. Altre non hanno una vera e propria scadenza (essendo emesse come titoli perpetui o a), ma prevedono la possibilità di essere richiamate dall’emittente a certe date (opzione “call”).

Alla luce delle diverse tipologie di obbligazioni e della classificazione della propria “qualità” da parte delle agenzie di rating è d’obbligo da parte dell’Istituto bancario adottare sempre una politica di trasparenza e correttezza contrattuale nella fase di sottoscrizione di simili prodotti di investimento da parte di consumatori/risparmiatori ignari di un simile rischio ed inconsapevoli di eventuali perdite del capitale versato.

Il Presidente Natalia Gioia

 

Fonti:www.borsaitaliana.it, www.soldionline.it

Per informazioni ed assistenza di seguito i nostri recapiti:

A.E.C.I. ROMA SUD

VIA CASILINA 185 – 00038 VALMONTONE (RM)
VIA CAIROLI, 26 – 00044 FRASCATI (RM)

Tel/fax 0699367488 - Cell. 3481788786 - 3249959867

romasud@euroconsumatori.eu

 

AECI ROMA SUD non riceve alcun finanziamento da partiti e/o sindacati e si autofinanzia tramite le vostre tessere e contributi.

18 febbraio 2016

Articolo a firma del responsabile Natalia Gioia che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: romasud@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO