NOTIFICA ATTI GIUDIZIARI: avviso di giacenza - atti nulli se l'ufficiale giudiziario non indica le ragioni di difficoltà della notifica presso la residenza del destinatario c.d. (Relata di notifica)

REGIONE: SICILIA

L'Ufficiale Giudiziario, nel procedere al deposito dell'atto da notificare presso la casa comunale, deve prima motivare le ragioni dell'impossibilità di notifica presso la residenza del destinatario dell'atto, infatti, i soggetti legittimati a ricevere gli atti, nel caso in cui non sia possibile la notifica in mani proprie, sono i familiari conviventi, non minorenni s'intende, o il portiere dello stabile in cui egli dimora.


Sotto il profilo pratico insomma, il deposito dell'atto presso la sede del Comune deve sempre essere motivato e dettagliato, l'ufficiale giudiziario, deve avere l'accortezza di indicare nella relata di notifica tutte le infruttuose ricerche espletate nei confronti del destinatario, sia nel luogo di residenza, dimora o sia anche semplice domicilio. A chiarirlo e ad sottolinearlo è la recentissima Sentenza di Cassazione della Sez. III Civile, n. 15849 del 28 luglio 2015.


L'Ufficiale Giudiziario, nella notifica degli atti, ha l'obbligo di redigere una relata di notifica, in essa infatti, l'ufficiale deve sempre descrivere le attività svolte e tutte le ricerche che ha effettuato in relazione alla dimora e/o al domicilio del destinatario indicando la mancata reperibilità.


Per il completamento dell'avvenuta giacenza, come ho già precedentemente ribadito più volte, la notifica dell'atto si perfeziona trascorsi 10 giorni dalla notifica al destinatario della seconda raccomandata che deve sempre e comunque avvenire con avviso di ricevimento. In pratica, sia il postino o l'Ufficiale Giudiziario con essa, notifica al destinatario l'informazione del tentativo di recapito e del successivo deposito del plico presso la Casa Comunale, trascorsi 10 giorni, come la legge dispone, si presume che il destinatario sia stato messo a conoscenza dell'atto e quindi, da quella data in poi decorrono i giorni per il conteggio, sia per effettuare il ricorso, sia per procedere al pagamento, o semplicemente, nel caso in cui riguardasse qualche violazione al CdS di comunicare il nominativo che risultava alla guida, per esempio da multe rilevate tramite dispositivi di autovelox.


Per quanto detto, risulta evidente, e sicuramente non trascurabile che, bisogna sempre provvedere al ritiro dell'Atto e non fare come molti pensano ” non lo ritiro! quindi non mi è stato mai notificato”, non c'è cosa più sbagliata, se consideriamo poi, che magari poteva essere annullato per prescrizione dei termini, o impugnato per vizi formali o semplicemente sarebbe stato sufficiente inviare una semplice lettera avvalendosi dell'autotutela e quindi, sgravato.




30 luglio 2015

Articolo a firma del responsabile Agostino Curiale che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: palermo1@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO