AZIENDA IN AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA: oggetto: opposizione a ordinanza su impugnativa di licenziamento ex art. 1 commi 51 e ss. L. n. 92/2012

REGIONE: SICILIA

Vittoria di A.E.C.I. Palermo.

Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Palermo ha rigettato l'opposizione e per l'effetto, annulla il licenziamento, condanna la società ricorrente a reintegrare il convenuto nel posto di lavoro.

Condanna la società ricorrente a corrispondere una indennità risarcitoria pari a 12 mensilità, commisurata all'ultima retribuzione globale di fatto. dedotto quanto il lavoratore ha percepito per lo svolgimento di altre attività lavorative nonché quanto avrebbe potuto percepire dedicandosi con diligenza alla ricerca di una nuova occupazione.

Condanna la società ricorrente alla rifusione delle spese di lite che liquida, per entrambe le fasi del giudizio, in complessivi € 6.000,00, comprese spese IVA e CPA.

In termini conclusivi l'opposizione è stata respinta e il licenziamento annullato. Conseguentemente, ai sensi dell'art. 18, comma 4, Legge 300/70.

L'A.E.C.I. di Palermo è soddisfatta!!!  

8 aprile 2015

Articolo a firma del responsabile Agostino Curiale che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: palermo1@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO