SPESE ACCESSORIE NON GODUTE VANNO RIMBORSATE

REGIONE: TOSCANA

IN CASO DI ESTINZIONE ANTICIPATA DI MUTUO O FINANZIAMENTO LE SPESE ACCESSORIE NON GODUTE VANNO RIMBORSATE

Se si chiude anticipatamente un mutuo o un finanziamento le polizze con esso connesse devono esaurirsi con esso e il consumatore ha il diritto di essere rimborsato per il periodo non usufruito.

Le somme versate, anche come commissioni bancarie e finanziarie, devono essere rimborsate al cliente in misura proporzionalmente corrispondente alle quote di mutuo o di finanziamento riferibili al periodo non goduto.

Sono questi i punti chiave in materia di restituzione parziale delle spese sostenute al momento dell'accensione del mutuo in caso di estinzione anticipata, fissati dai collegi dell'Arbitro bancario e finanziario. (collegio di Napoli e di Roma)


Si tratta di una questione che investe la trasparenza, sia nella fase dell'informativa precontrattuale, sia in quella contrattuale non sempre rigorosa e tale, quindi, da ingenerare l'assunzione di obblighi in maniera non sufficientemente consapevole da parte del consumatore.

Con riferimento alle spese sostenute al momento della sottoscrizione del finanziamento (un mutuo o una cessione del quinto dello stipendio o della pensione) nel contratto spesso è poco chiara la qualificazione delle spese non ripetibili ,rispetto a quelle che devono invece imputarsi a un meccanismo di maturazione progressiva.


Nel caso di estinzione anticipata, il consumatore ha diritto a un'equa riduzione del costo complessivo del credito. Su questo problema l’Abf ha affermato il diritto di rimborso degli oneri pagati anticipatamente, che erano stati calcolati per un periodo maggiore. Pertanto, anche le somme versate a titolo di premio assicurativo per la stipulazione di polizze connesse al rischio del credito (imposte dalle banche e dalle finanziare a costi esorbitanti ), oltre che le commissioni bancarie e finanziarie, in mancanza di criteri di calcolo indicati nella documentazione contrattuale, devono essere restituite al cliente in misura proporzionalmente corrispondente alle quote riferibili al periodo non goduto.


Ma non finisce qui, il consumatore attento, farebbe bene ad “metterci il naso” nei conti che le banche o le finanziarie presentano.

Non sempre sono tutte spese e interessi dovuti, in quanto il più delle volte caricati di spese accessorie che fanno lievitare il tasso di riferimento ben oltre l’usura.

Aeci Toscana ha istituito un servizio ad oc. E Gratuitamente può controllarti i conti e se la banca o la finanziaria è in fallo e farsi ridare tutto il maltolto.

7 novembre 2013

Articolo a firma del responsabile Fabrizio Spinelli che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: toscana@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!

A.E.C.I. è un Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHE' FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHE' ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI