Equiparare il prezzo degli immobili al prezzo reale di mercato

REGIONE: TOSCANA

ROMA - Ordine di Visco alle banche: “Svalutate gli immobili a garanzia”. E il “mattone” crolla. 

Banca d’Italia ha dato indicazione ai banchieri di rafforzare la solidità patrimoniale degli istituti di credito. Contemporaneamente uno studio della stessa Banca d’Italia, insieme a Tecnoborsa e Agenzia delle Entrate conferma la debolezza strutturale del mercato immobiliare: calo dei prezzi, aumento dei tempi di trattativa e del divario tra i prezzi di domanda e di offerta, banche che non erogano finanziamenti per gli acquisti e concedono mutui a tassi troppo elevati. Il corto circuito banche-mattone riguarda più in generale il rapporto tra la necessità di avere un sistema finanziario con i conti a posto e  l’urgenza di far riprendere velocemente l’economia, dare ossigeno alle imprese, prestare soldi ecc…

Infatti quali sono le indicazioni del governatore Ignazio Visco alle banche?

Devono procedere rapidamente agli accantonamenti e/o alla svalutazione degli immobili fino al 50% a garanzia di crediti in difficoltà (crediti deteriorati perché inesigibili, non performing loans). Proprio sugli immobili la linea Banca d’Italia è più dura: quello che chiede la Vigilanza è fare vera pulizia sulle garanzie reali dei prestiti, garanzie in gran parte immobiliari. Il valore di questi immobili, nota ancora la Vigilanza di Via Nazionale, troppo spesso non corrisponde ai prezzi di mercato: applicando il concetto di “pronto realizzo”, suggeriscono/intimano gli ispettori della Banca d’Italia, si deve applicare un ragionevole sconto del 20/25% sulla valutazione dell’immobile.

Ma qui sta “l’effetto perverso” (Milano Finanza): mentre si rafforza la banca, si indebolisce il già fiacco mercato del credito real estate. Cui si aggiunge la crisi perdurante con il crollo della domanda. Risultato, le transazioni immobiliari sono al minimo storico, notizia ferale per un settore che da sempre è il primo indicatore della salute economica di un Paese. Salviamo le banche (è più giusto dire ordiniamo alle banche di proteggersi dai rovesci globali) al prezzo di comprimere la crescita. A rimetterci, come al solito, è chi ha le spalle meno larghe.

Avere redditi bassi, può rappresentare un ostacolo insuperabile per ottenere credito, la banca ti mette nella categoria dei vulnerabili e a maggior rischio da cui stare alla larga: tanto è vero che la riduzione nell’acquisto di case risulta, secondo le stime della Banca d’Italia, più alta per le famiglie più giovani (-30%) e per quelle che non vengono dall’Unione Europea. Sono queste categorie che hanno risentito in maniera più drammatica degli effetti del ciclo economico negativo, con l’aumento del tasso di disoccupazione, il calo sostenuto dei redditi delle famiglie, e infine le politiche più selettive da parte delle banche.

(Fonte Quotidiano Bliz)

Questo a marzo 2013 sono cambiati i suonatori, ma la musica è sempre la stessa! Invece che cosa si ha in mente, e quello che si è fatto? Proteggere le banche a discapito della crescita e della ripresa economica.

Eppure la ricetta sarebbe abbastanza facile: adeguare il costo degli immobili al reale valore di mercato! Non si capisce perché in una economia di mercato regolata dalla domanda e dall’offerta ci debbano essere lobbies che tirano la coperta dalla loro parte lasciando scoperto il solito “culo” degli italiani.

Successivamente adeguare le rendite catastali agli stessi  reali valori, visto che oltretutto sulle stesse graveranno le nuove tasse comunali TRISE per proprietari ed inquilini per una maggiore e condivisa giustizia sociale.

Questo a nostra avviso sarebbe un reale volano di ripresa, senza nessun rimorso per quelle banche che falliranno, visto che sono state loro le artefici principali di quell’economia tossica che ha come esempio i vari“bond”, che hanno fatto perdere ai consumatori anni di risparmi e i vari scandali bancari che anche ultimamente hanno coinvolto fior di nomi uno per tutti Monte Paschi Siena.

Ci rendiamo conto che in questi termini questa sarà un utopia, ma auspichiamo che gli italiani consumatori con l’espressione del proprio voto diano una piccola svolta per imboccare finalmente la strada della prosperità, dell’onesta e della vera giustizia sociale.

17 ottobre 2013

Articolo a firma del responsabile Fabrizio Spinelli che si assume totalmente la responsabilità del contenuto del presente articolo. Per comunicazioni dirette scrivere a: toscana@euroconsumatori.eu

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!

A.E.C.I. è un Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHE' FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHE' ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI