INSALATE IN BUSTA: ECCO LA NUOVA LEGGE A TUTELA DEI CONSUMATORI

Roma - 14 agosto 2015  - ADN KRONOS - Dal 13 agosto, occhio a frigoriferi e scaffali di supermercati e negozi di alimentari, prima di acquistare insalate in busta, e non solo. Entrano in vigore, infatti, le nuove regole sulla preparazione, il confezionamento e la distribuzione dei prodotti ortofrutticoli di IV gamma, ossia quei prodotti freschi pronti per il consumo, come le insalate in busta, preparati da cuocere per minestroni o contorni, macedonie in vasetto. A ricordarlo è l'Unione nazionale consumatori (Unc).

Le norme, a tutela del consumatore, sono state introdotte dal decreto attuativo (decreto del 20 giugno 2014) dell'articolo 4 della legge n. 77 del 2011 e saranno applicate da domani, giovedì 13 agosto.

Tra i nuovi obblighi, quello di mantenere i prodotti ortofrutticoli a una temperatura inferiore a 8°C. Questo vuol dire, avverte l'Unc, che in alcuni supermercati e negozi non attrezzati con frigoriferi adatti, le insalate pronte potrebbero sparire, almeno nel breve periodo.

"Sono prodotti che si sono affermati sul mercato per la loro comodità e praticità, anche se, ovviamente, queste qualità si pagano. Le nuove disposizioni sono un passo avanti in materia di sicurezza alimentare e verso la trasparenza e la corretta informazione del consumatore", dichiara Agostino Macrì, responsabile dell'Area sicurezza alimentare dell'Unione nazionale consumatori.

"Un rafforzamento delle sue tutele, anche se alcune previsioni potranno comportare un aumento dei costi", aggiunge.

L'associazione di consumatori chiede, quindi, alle autorità competenti di fare controlli a tappeto per verificare la corretta applicazione delle nuove regole e invita i consumatori a segnalare eventuali anomalie e irregolarità all'indirizzo email: segnalazioni@consumatori.it.

Ma come regolarsi per l'acquisto di insalate in busta e altri prodotti freschi pronti per il consumo, da domani? L'Unione nazionale consumatori fornisce un vademecum.

1) Nei supermercati e nei negozi i prodotti ortofrutticoli di IV gamma dovranno essere mantenuti a una temperatura inferiore a 8°C.

2) E' consentita l'aggiunta di ingredienti di origine vegetale non freschi o secchi, ma in quantità non superiore al 40% del prodotto finito.

3) Sulla confezione dovranno essere riportate, in un punto evidente dell'etichetta, in modo da essere facilmente visibili e chiaramente leggibili, alcune indicazioni:

- "prodotto lavato e pronto per il consumo" (oppure il tipo di prodotto, ad esempio insalata), o "prodotto lavato e pronto da cuocere";

- le istruzioni per l'uso per i prodotti da cuocere;

- la dicitura "conservare in frigorifero a temperatura inferiore agli 8°C";

- la dicitura: "consumare entro due giorni dall'apertura della confezione e comunque non oltre la data di scadenza", a meno che il prodotto è da cuocere nella confezione integra.

Non ci saranno più equivoci, insomma, sulla durata dell'insalata una volta aperta la confezione, assicura l'Unione nazionale consumatori.

L'associazione, comunque, ricorda che i prodotti etichettati o immessi in vendita non conformi alle nuove disposizioni possono essere commercializzati fino a esaurimento delle scorte. Quindi, almeno per alcune di queste regole, come per l'etichettatura (ma non per la conservazione a -8° C), potrebbe esserci ancora qualche giorno di tolleranza prima che scattino le sanzioni. Ma al massimo fino al 20 agosto, avverte.

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]