ANTITRUST: CONSUMATORI TUTELATI E ILLECITI PUNITI CON SEVERITA'

Roma - 19 giugno 2015  -  Più concorrenza per uscire dalla crisi economica e per riprendere a crescere. Per contrastare le disuguaglianze. E per realizzare la tutela del consumatore, settore nel quale “il messaggio chiaro lanciato ai mercati è che gli illeciti antitrust e le pratiche commerciali scorrette sono perseguiti con severità”: sono le parole con cui il presidente dell’Autorità Antitrust Giovanni Pitruzzella ha presentato la relazione annuale sull’attività svolta.

L’economia italiana è caratterizzata da un basso tasso di crescita e da una competitività ridotta, e nell’arco degli ultimi anni le disuguaglianze sono cresciute: almeno fino al 2010 la struttura economica “ha creato grandi zone di privilegio: invece del mercato aperto sono prevalse le rendite di posizione”. Se questo è il quadro generale di partenza, l’Antitrust vede però nell’ultimo periodo un cambio di rotta che fa dire al presidente: “L’Italia attraversa una fase di profondo cambiamento e l’Antitrust è parte di questo processo”. Spiega Pitruzzella che “l’apertura alla concorrenza si colloca nell’ambito di un cambiamento del quadro giuridico che finalmente sta creando un ambiente favorevole all’iniziativa economica e che rimuove alcune delle principali cause del deficit di competitività”. In quest’ambito l’Antitrust cita la riforma del mercato del lavoro, la legge delega per la riforma della pubblica amministrazione, la nuova disciplina giuridica, l’imminente delega fiscale, la prossima riforma del codice degli appalti e il progetto sulla banda ultralarga.

I  numeri dell’azione svolta dall’Autorità dicono che dall’inizio del 2014 a oggi sono state irrogate sanzioni per 266 milioni di euro – 186 milioni di euro nel 2014 e 80 milioni di euro nei primi cinque mesi e mezzo di quest’anno – con un’attenzione particolare ai cartelli e alle intese. Sono stati chiusi 23 procedimenti riguardanti intese e 3 procedimenti per abuso di posizione dominante, e nello stesso periodo sono stati avviati altri 10 casi riguardanti intese e 3 relativi ad abusi di posizione dominante. “Altrettanto incisivo – dice Pitruzzella – è stato l’esercizio dei poteri a tutela dei consumatori contro le pratiche commerciali scorrette. Complessivamente sono stati chiusi 210 procedimenti (di cui 163 nel 2014 e 47 nel 2015). L’ammontare delle sanzioni irrogate è stato pari a 30 milioni di euro (di cui 19,5 milioni nel 2014).

L’Antitrust rimarca che “tutela della concorrenza e tutela del consumatore sono strettamente interdipendenti e in Europa viene visto come un modello di successo quello italiano, che affida alla medesima istituzione i due compiti”.

L’azione dell’Autorità fra l’altro si è spostata con più decisione verso l’adozione di provvedimenti con sanzioni, tanto che il monito è chiaro: c’è sempre meno possibilità di evitare le conseguenze di una pratica scorretta. Questo quanto emerge dalle parole dell’Antitrust: “Il più recente periodo conferma il trend avviato nel 2012 di un riequilibrio del rapporto tra decisioni con impegni e decisioni con sanzioni a favore di queste ultime. 

Il messaggio chiaro lanciato ai mercati è che gli illeciti antitrust e le pratiche commerciali scorrette sono perseguiti con severità e che, se è stato commesso un illecito, le probabilità di evitare una sanzione sono davvero esigue e comunque subordinate alla presentazione di impegni solidi e idonei a rimuovere, in radice, le preoccupazioni manifestate in sede di avvio del procedimento”.

Non resta che ricordare alcune delle azioni attuate dall’Antitrust, in particolare nei settori in cui “la ricerca della rendita è stata più forte” e nei quali una maggiore concorrenza porta anche a più innovazione, e nel settore delle telecomunicazioni: basti citare le decisioni prese nel caso Roche-Novartis sui due farmaci Avantin e Lucentis, l’avvio recente di un’indagine sui vaccini, le azioni intervenute nel campo dell’e-commerce e del download di applicazioni apparentemente gratuite.

 Nell’ambito delle telecomunicazioni la sfida è enorme, perché l’affermazione dell’economia digitale porta con sé nuove disuguaglianze, cambiamenti nell’assetto del lavoro, conflitti nuovi fra giganti della rete e imprese tradizionali – il riferimento dell’Antitrust stessa è al conflitto fra Uber e i tassisti e a quello fra Google e gli editori. Se è vero che è compito della politica nazionale ed europea intervenire, è anche vero che l’Antitrust viene chiamato in gioco quando si tratta di “favorire il rapido sviluppo di una rete ultrabroadband, senza la quale i nuovi servizi digitali non avranno l’infrastruttura necessaria per svilupparsi”. È evidente che questo implica problemi diretti di concorrenza. Spiega infatti l’Autorità: “Va però segnalato che il controllo da parte di un operatore verticalmente integrato dell’infrastruttura di rete fissa, utilizzata per l’accesso a internet – in assenza di competizione infrastrutturale – può diventare una rendita se non sussistono garanzie idonee ad assicurare che il titolare dell’infrastruttura consenta l’accesso alla rete, a condizioni non discriminatorie, agli altri operatori. A tal riguardo ricordo che il Consiglio di Stato, con una sentenza del 2015, ha definitivamente confermato la decisione dell’Antitrust che sanzionava con 103,8 milioni di euro Telecom Italia, tra l’altro, per aver reso difficoltoso per gli altri operatori l’accesso alla propria rete”.

La tutela del consumatori si applica poi a campi meno tecnologici e più “sensibili”, nei quali è particolarmente accentuata la differenza di posizione e di informazione fra consumatori e imprese. Il riferimento è soprattutto al settore dell’energia e dell’acqua. Sostiene Pitruzzella: “Proprio per eliminare questa situazione di “patologica dipendenza” del consumatore dall’impresa, l’Autorità ha intensificato l’enforcement nei settori dell’energia elettrica, del gas e idrico dove sono stati segnalati casi particolarmente odiosi di attivazioni di forniture non richieste, di fatturazione di ingenti somme per consumi presunti, accompagnate in alcuni casi da rifiuti di rateizzazione, minacce di distacco, avvio di procedure di riscossione dei mancati pagamenti”.

L’attività dell’Antitrust si dispiega poi sul versante degli appalti, dove gli accordi diretti alla ripartizionel delle gare fra imprese paralizzano la concorrenza. Dopo aver sottolineato lo “straordinario lavoro” svolto dall’Autorità anticorruzione, Pitruzzella ha sottolineato che “i principali antidoti per combattere il diffondersi della corruzione – vera e propria tassa occulta per il sistema economico – sono una concorrenza effettiva e, come più volte rilevato dall’Autorità, la certezza del diritto e la sburocratizzazione, in modo tale da ridurre i margini di discrezionalità degli interventi nella sfera economica”.

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]