OCSE: IN ITALIA TROPPE AGEVOLAZIONI FISCALI

Il percorso è quello giusto ma bisogna proseguire puntando su lavoro e norme più chiare.
L'Ocse, nell'Economic Survey sull'Italia ha spiegato che «dopo un lungo periodo di stagnazione l'Italia sta intraprendendo un programma di riforme ambizioso e di ampio respiro per stimolare la crescita».
E il segretario generale Angel Gurria ha aggiunto che «Renzi ha scelto chiaramente un team efficace, nel 2014 si sono fatti grandi passi avanti sulle riforme ma molto resta da fare».

Dopodichè Ange Gurria ha puntato il dito contro le agevolazioni fiscali da tagliare. L’elevato numero di detrazioni e deduzioni attuali «è uno dei punti deboli dell’ordinamento italiano». Ridurre le tax expenditures «amplierebbe la base imponibile e consentirebbe di mantenere lo stesso gettito riducendo le aliquote fiscali». È quanto evidenzia l’Ocse nel suo rapporto sull’Italia per il 2015, presentato ieri a Roma al ministero dell’economia. Il segretario generale dell’organizzazione parigina, Angel Gurria, ha citato le 720 voci di spesa fiscale già mappate nel 2011 dalla commissione Ceriani. «Molte di queste, tra cui alcune delle più costose in termini di entrate, sono una parte necessaria di un sistema fiscale equo ed efficiente (per esempio, la no tax area per le fasce di reddito più basse)», spiega l’Ocse, «tante altre no. La legge di stabilità 2015 elimina sette spese fiscali, ma non prende in considerazione nessuna azione in materia di Iva, la cui revisione è una delle più urgenti». Le aliquote Iva ridotte (4% e 10%) generano in Italia una perdita di gettito doppia rispetto alla media Ue. 

Secondo l’Ocse, le finalità redistributive di tali agevolazioni «possono generalmente essere raggiunte con un minor costo per l’erario, attraverso interventi mirati». Viceversa si ha una situazione, come quella attuale, nella quale «le famiglie ricche ricevono più benefici in termini aggregati rispetto alle famiglie povere». La delega fiscale nelle mani del governo prevede anche la razionalizzazione delle tax expenditures. Un’occasione «che rappresenta una buona opportunità per eliminare le agevolazioni più costose, prevedendo al contempo incentivi mirati e aumentando potenzialmente la quantità complessiva di redistribuzione», aggiunge il report dell’Ocse. 

Tra le raccomandazioni finali dello studio c’è anche l’invito all’Italia di continuare gli sforzi per ridurre l’evasione fiscale, agendo su due fronti: un più efficace sistema di accertamento e riscossione da una parte, una semplificazione generale di normative e adempimenti dall’altra, in modo da stimolare la tax compliance. 

Dall’Ocse arriva anche l’auspicio che il fisco italiano divenga più attento all’ambiente, rimodulando il prelievo fiscale sui carburanti ed energia.

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!

A.E.C.I. è un Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHE' FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHE' ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]