ABI: RECORD DI SOFFERENZE BANCARIE. AECI ASSISTE I CONSUMATORI INDEBITATI

Prosegue l’aumento delle sofferenze bancarie. Secondo il rapporto mensile Associazione bancaria italiana (Abi), a seguito del perdurare della crisi e dei suoi effetti, la rischiosità dei prestiti in Italia è ulteriormente cresciuta e le sofferenze nette sono risultate a gennaio 2014 pari a 80,5 miliardi, le lorde a 160,4 miliardi. Il rapporto sofferenze nette su impieghi totali è del 4,38% a gennaio (4,31% a dicembre 2013; 3,37% a gennaio 2013; 0,86%, prima dell’inizio della crisi). Il rapporto sofferenze lorde su impieghi è dell’8,4% a gennaio 2014 (6,4% un anno prima; 2,8% a fine 2007), valore che raggiunge il 14,2% per i piccoli operatori economici (11,9% a gennaio 2013; 7,1% a fine 2007), il 13,4% per le imprese (9,7% un anno prima: 3,6% a fine 2007) ed il 6,5% per le famiglie consumatrici (5,7% a gennaio 2013; 2,9% a fine 2007). Il totale degli affidati in sofferenza ha raggiunto complessivamente il numero di 1.205.000, di cui oltre un milione (1.015.369) con un importo unitario in sofferenza inferiore a 125.000 euro.

A.E.C.I. con il suo sportello BANCHE & USURA ha creato una team in grado di assistere i consumatori che hanno problemi di indebitamento e che hanno contratto debiti attraverso CARTE REVOLVING, FINANZIAMENTI, CESSIONI DEL QUINTO, MUTUI BANCARI ma anche attraverso l'utilizzo di fidejussioni bancarie.

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]