GIUSTIZIA LENTA: IN ITALIA UNA CAUSA CIVILE IN QUASI 600 GIORNI

BRUXELLES - Peggiora la performance del sistema giudiziario italiano nella definizione di cause civili e commerciali in primo grado, secondo il quadro di valutazione presentato da Bruxelles. Se, infatti, secondo la precedente analisi erano necessari quasi 500 giorni (dati 2010), dall'attuale emerge che sono saliti a quasi 600 (dati 2012). "Sono preoccupata per paesi che come l'Italia sono in basso nella scala della valutazione sulla giustizia presentata oggi.
 
Anche l'Ungheria è in basso, ma dà segnali di miglioramento graduale. C'è un nesso diretto tra giustizia civile e commerciale e la mancanza di propensione agli investimenti", così Reding,vicepresidente commissione UE. L'Italia è ancora maglia nera quanto a numero di casi pendenti per cause civili e commerciali, sebbene mostri qualche miglioramento, secondo il quadro di valutazione Ue. Se infatti sulla base dei dati 2010 raggiungeva oltre sei casi pendenti in primo grado ogni cento abitanti, secondo i dati 2012 i casi si sono ridotti a circa 5,5. Peggio solo Croazia e Grecia (mancano invece i dati di Cipro, Belgio, Bulgaria, Irlanda, Olanda e Gran Bretagna).
 
Se i principali problemi dell'Italia, secondo Bruxelles, restano la durata dei procedimenti e casi pendenti, segnali positivi si colgono per il tasso di esecuzione, che misura la capacità di un'organizzazione di smaltire il carico di lavoro, sulla base del rapporto tra i casi aperti e chiusi nel periodo di riferimento. Secondo il quadro di valutazione Ue, il tasso dell'Italia sale dal 120% circa al 130%. Per questo indicatore il Paese è secondo in Europa, dopo Lussemburgo. Ma a pesare restano gli arretrati.

fonte: ANSA

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]