ACQUEDOTTO ARSIAL: ELEVATA PERCENTUALE ARSENICO. ACQUA NON POTABILE

Parte dell’acqua di Roma infatti è imbevibile e inutilizzabile. L'ordinanza del sindaco di Roma, n.36 del 21.02.2014, ha ordinato il divieto di utilizzo dell’acqua comunale – sia per il consumo umano che uso alimentare e igiene personale e ogni altro utilizzo – fino al 31.12.2014.
Dalle, analisi compiute dalla Asl Roma C, risulterebbe elevata la percentuale di arsenico.

IN ALLEGATO LA DELIBERA COMUNALE

Il divieto riguarda le zone dei Municipi XIV (ex 19°) e XV (ex 20°), servite dagli acquedotti Malborghetto, Camuccini, Piansaccoccia, Monte Oliviero, Santa Maria di Galeria, Brandosa, Casaccia-S.Brigida, nelle more del risanamento dei predetti acquedotti da parte di Acea Ato2.

Dall'ordinanza si evince che la popolazione sarà avvisata tramite affissione di pubblici avvisi nei Municipi XIV e XV, in particolare in numerose strade interessate ed elencate nel testo.

Il risanamento degli acquedotti è compito di ACEA ATO2 che sarà, a breve il gestore dell'acquedotto non ancora in possesso del Comune di Roma (il passaggio avverrà a breve) ma che sono ancora in gestione all'Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione dell'Agricoltura (Arsial) che assicurerà la fornitura di acqua per consumo umano con punti di rifornimento sul territorio, si legge nel comunicato pubblicato ieri sul sito di Roma Capitale.

Il Presidente dell'OTUC della Provincia di Roma, Ivan Marinelli chiede una più immediata soluzione, il blocco della tariffazione (in attesa della messa a norma dell'intero bacino) e il risarcimento degli utenti che vivranno notevoli disagi.

SCARICA L'ALLEGATO [clicca sull’icona]

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]