L'ACQUA NON SI VENDE. IL MOVIMENTO EUROPEO CONTRO LA PRIVATIZZAZIONE DELLA RISORSA IDRICA

 Per incoraggiare la partecipazione degli europei nel processo decisionale, il trattato di Lisbona ha creato l'iniziativa cittadina, che consente di presentare un'instanza sostenuta da un milione di firme in sette paesi. Solo ora la prima petizione è stata oggetto di un'audizione al Parlamento europeo per discutere l'accesso all'acqua”
L'iniziativa per il diritto all'acqua è stata sottoscritta da un milione e settecentomila persone: si chiedono norme a tutela della qualità ma anche una legislazione che dica chiaremente che l'acqua non è una merce.

“Non liberalizzate l'acqua. L'acqua deve restare in mani pubbliche, affinche ci sia un controllo democratico vicino ai bisogni dei cittadini”.

La Commissione europea ha tempo fino al 20 marzo per presentare una proposta di legge in materia. Le questioni sanitarie sono le piu' comuni tra le sette petizioni che in quasi due anni hanno raccolto un milione di firme in tutt'Europa.

L'esecutivo europeo sarà quindi chiamato presto ad ascoltare la voce dei cittadini anche su questioni come l'uso degli embrioni umani nella ricerca o la velocità consentita nelle zone residenziali.

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]