BUONI POSTALI FRUTTIFERI: LA SVALUTAZIONE ARRIVA ANCHE AL 56%. ECCO IL PUNTO DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE DI CONSUMATORI

Hai investito in buoni fruttiferi postali dal ’73 all’86? Poste potrebbe liquidarti fino all’86% in meno rispetto a quanto stabilito dalle tabelle retrostanti i buoni!

Numerose segnalazioni sono giunte alla nostra Associazione per denunciare che buoni fruttiferi a scadenza trentennale sottoscritti negli anni ’80 e che proprio in questi anni stanno giungendo a scadenza, hanno subìto una svalutazione che è arrivata fino al 56% rispetto a quanto stabilito sulle tabelle retrostanti i buoni.

I principali problemi si riscontrano con i buoni sottoscritti dal ’73 all’86 (quelli precedenti sono ormai prescritti), in quanto il Decreto del 1 gennaio 1987 li ha convertiti tutti in buoni della serie Q che hanno dei rendimenti inferiori rispetto a quelli precedenti.

Per un buono fruttifero di £ 500.000,00 sottoscritto nel 1983 Poste prospetta un valore di euro 4.000,00 invece dei quasi 9.000,00 risultanti dai conteggi attraverso gli interessi stabiliti sul retro del buono.

O, addirittura, il consumatore si è visto recapitare un decreto ingiuntivo sulla base del quale Poste ha chiesto l’indebito percepito dall’ignaro risparmiatore, in quanto il valore del buono alla data di riscossione dello stesso, non era conforme ad un decreto ministeriale precedente l’emissione, che aveva cambiato il tasso di interesse di tali buoni e del quale però non vi era nessuna menzione sul buono fruttifero in possesso del risparmiatore.

Anche la Cassazione a Sezioni Unite è intervenuta nella vicenda nel 2007. Sottolineando il principio dell’affidamento del risparmiatore all’atto dell’acquisto dei buoni fruttiferi, afferma che l’errore di Poste nel non riportare i tassi di interesse da applicare stabiliti dal decreto di emissione dei buoni fruttiferi o da decreti precedenti, non possa e non debba ripercuotersi sulla buona fede del consumatore che ha diritto a riscuotere la somma risultante dall’applicazione dei tassi per come riportati sui buoni fruttiferi.

Nel caso abbiate richiesto la liquidazione dei vostri buoni fruttiferi e abbiate ottenuto meno rispetto a quanto stabilito sul retro del buono, potete rivolgervi allo sportello operativo di Roma, telefonicamente al numero 06 4510914, per email (helpdesk@euroconsumatori.eu) e tramite la CHAT ON LINE su www.euroconsumatori.eu.

SPORTELLO OPERATIVO

Via Casimiro Teja 24 | 00157 Roma

TEL. 06 45 10 914

Articolo a Firma della d.ssa Maria Elena Greco


SCARICA IL MODULO PER RICHIEDERE IL RISARCIMENTO

NOTA

Per scaricare il modulo è necessario versare 2 euro per aderire ad A.E.C.I. Versando 2 euro, dunque, si diventa soci in adesione e si condividono le battaglie per le quali quotidianamente A.E.C.I. si impegna tutelando i diritti dei consumatori. Perché pagare 2 euro ? Perché il Ministero dello Sviluppo Economico ha stabilito che, per le Associazioni di Consumatori, non possano esistere soci che non abbiano versato una quota associativa. Per questo A.E.C.I. ha deciso di chiedere una cifra simbolica.

SCARICA IL MODULO

SCARICA L'ALLEGATO [clicca sull’icona]

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]