LA POLITICA DEI TAGLI E DELLE TASSE

La politica degli ultimi trenta anni, concentrata ad amministrare la cosa pubblica come cosa propria, ha prodotto poche cose. Poche cose non dal punto di vista quantitativo (se si contano le iniziative per il bene comune sono misere in termini numerici) ma dal punto di vista amministrativo.

La partitocrazia è stata impegnata a dividersi la torta. Anche da avversari. Il comune accordo è semplice. Oggi tocca a me domani tocca a te.

La regola, ovviamente, è rendere tutti complici. Anche i commessi parlamentari (con stipendi che nemmeno Obama) sono complici del sistema. Se tutti mangiano, nessuno fa opere delatrici.

In un contesto dunque di assoluta complicità l'unico vero interesse è stato (ed è) quello di spartirsi la torta. Tra di loro non ci saranno delatori. Per il resto la partitocrazia ha solo prodotto poche cose che, a loro volta, hanno prodotto veri drammi  e tragedie. Tagli e Tasse.

Pressione fiscale, Italia sul podio più alto. Con il 54 % della pressione fiscale effettiva, quella riferita al Pil emerso, il nostro Paese conquista nel 2013 il record della tassazione fra le economie sviluppate. E poco consola che nel 2012 questa fosse al 55%. A dare agli italiani il primato tra i pagatori di tasse è l'Ufficio Studi Confcommercio, che stima la pressione fiscale apparente di quest'anno al 44,6% del Pil (44,3% nel 2012). Tale stima comprende Imu e Tares ma non l'aumento dell'aliquota Iva rinviato al 1 ottobre ed eventuali incrementi degli addizionali Irpef.

Sul podio, dunque, e con l'intenzione di restarci: se nel resto del mondo sembra prevalere la tendenza al ridurre la pressione fiscale, il nostro Paese è in controtendenza con un incremento di quella apparente di 2,7 punti di Pil nel 2013 rispetto al 2000. Nello stesso periodo in Svezia il calo è stato di 7,6 punti, di 3,3 punti negli Usa e di 2 punti in Germania.

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!

A.E.C.I. è un Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHE' FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHE' ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]