CLASS ACTION: DAL PRIMO GENNAIO ANCHE IN ITALIA

ROMA - Da oggi i consumatori italiani possono esercitare la class action, ossia l'azione collettiva a tutela dei propri diritti per danni o inadempienze contrattuali da parte delle aziende. "Anche in Italia - commenta il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola - diventa finalmente operativo uno strumento di civiltà, essenziale per la tutela dei consumatori, già attivo in altri paesi sviluppati".

Per Scajola "da ora è più semplice, concreto ed effettivo l'esercizio dell'azione collettiva, poiché questa può essere avviata anche da singoli consumatori o utenti, anziché solo dalle loro associazioni, e viene semplificato il meccanismo di liquidazione del danno". "Si tratta - ricorda un comunicato del ministero dello Sviluppo economico - di una innovazione introdotta dalla legge Sviluppo per tutelare i consumatori e gli utenti, sostituendo così integralmente l'analoga disciplina, prevista dalla legge finanziaria per il 2008, ma mai entrata in vigore perché ritenuta carente sia sotto l'aspetto procedurale che sostanziale".

In sostanza - ricorda ancora il comunicato del ministero - la nuova disciplina consente a consumatori o utenti che abbiano subito danni derivanti da prodotti difettosi o pericolosi, oppure da comportamenti commerciali scorretti o contrari alle norme sulla concorrenza, di unire le proprie forze per ottenere il risarcimento in ipotesi in cui il ricorso al giudice sarebbe troppo oneroso per un singolo individuo: ad esempio quando la controparte e' molto piu' forte sul piano economico, e puo' quindi avvalersi in giudizio di strumenti di difesa piu' efficaci. O anche quando i comportamenti illeciti dell'azienda, pur avendo grande rilevanza nel loro complesso, arrecano al singolo un pregiudizio di lieve entita'.

Con le nuove norme, in vigore da oggi, tutti coloro che si trovino nella stessa situazione di chi ha promosso la causa potranno aderire all'azione, facendo valere i propri diritti, anche attraverso il promotore e senza bisogno di ricorrere autonomamente ad un avvocato. ''Il procedimento - spiega il ministero dello Sviluppo economico - sara' snello e consentira' di avere una sentenza immediatamente esecutiva e non una mera sentenza di principio che poi costringe ad instaurare un successivo giudizio''. Per assicurare una piena tutela dei consumatori che aderiscono, la normativa prevede il preventivo esame da parte del giudice per verificare l'adeguatezza di chi ha instaurato il giudizio a curare l'interesse della classe, cioe' del gruppo di consumatori o utenti che si trovano nella stessa situazione, e per accertare l'assenza di eventuali conflitti di interesse.

Inoltre, si legge ancora nel comunicato, ''e' assicurata la piena trasparenza di tutte le fasi del procedimento, compresa la pubblicita' sul sito del ministero dello Sviluppo economico''. E' anche prevista la notifica al pubblico ministero, garantendo cosi' la possibilita' di una presenza imparziale nella fase preliminare, preordinata a valutare adeguatezza ed assenza di conflitti d'interesse. Contemplata anche l'eventuale sospensione del giudizio quando sui fatti rilevanti e' in corso un'istruttoria davanti a un'autorita' indipendente, ovvero un giudizio dinnanzi al giudice amministrativo. ''Si e' predisposta cosi' - si legge nella nota - una procedura economica, snella e veloce, trasparente, garantita ed efficace''.

Sono interessati dal provvedimento gli illeciti commessi successivamente alla entrata in vigore della legge Sviluppo, cioe' dopo il 15 agosto 2009.

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]