La Bufala della Class Action all'italiana e gli Uffici Stampa delle "associazioni di consumatori". A.E.C.I. è diversa

La verità sulla Class Action all’italiana è inesorabile. Si tratta di una bufala. Da quanto infatti è stata ammessa la possibilità della, cosiddetta, “azione di classe”, in Italia, delle tante promesse da sedicenti associazioni di consumatori, quelle che i giudici hanno ammesso (in qualità di azione di classe) si contano sulle dita di una mano.

Che fine hanno fatto tutte le azioni di classe promesse da CODACONS, FEDERCONSUMATORI, e associazioni similari ???? tutte bocciate dai giudici. Le class Action promesse nei confronti di Trenitalia, Autostrade, Bat Italia, sono servite, a queste sedicenti associazioni di consumatori, come specchietti per le allodole.

I problemi sono due. Il primo è che, l’impianto costruito, è servito esclusivamente alla politica per poter dichiarare di aver, per la prima volta in Italia, dato la possibilità ai cittadini e consumatori di difendersi grazie all’azione di classe.

Il secondo è che alcune associazioni di consumatori hanno utilizzato questa finta class action, che di azione di classe non ha proprio nulla, solo per poter far pubblicare comunicati stampa belligeranti. I comunicati stampa hanno funzionato, le associazioni di consumatori di cui sopra sono state pubblicate in giornali, tv, radio e similari ma i cittadini sono rimasti con un pugno di mosche in mano.

Su oltre 1000 azioni di classe promesse e promosse circa 6 (ad oggi) sono state ammesse dai giudici. Una vera debacle che servirà a poco. Il funzionamento della class action all’italiana è talmente fasullo che, dei benefici che la stessa azione potrebbe produrre, potranno beneficiare solo i cittadini che si sono formalmente uniti alla stessa azione. Ben diversa dall’azione di classe americana. 

Come spesso accade: l’impresa non vale la spesa.
In Italia infatti è il cittadino che, venuto a conoscenza della causa collettiva, decide di unirsi all’azione, appunto, di classe. La partecipazione dello stesso cittadino avviene attraverso una serie di passaggi complicati che di fatto sono una vera perdita di tempo ma, soprattutto di denaro. Il risultato, tutt’altro che scontato potrebbe per altro essere una vera vittoria di pirro. Un esempio, per capire, nel caso in cui il cittadino abbia avuto un problema con il pagamento di bollettini postali e che, questo problema, sia stato collettivo. Nel caso in cui si faccia la class action, che la stessa azione di classe porti un risultato positivo, il cittadino avrebbe diritto esclusivamente al rimborso (pochi spiccioli di euro).
Il rischio della beffa
Oltre al danno si potrebbe nascondere la beffa. Il cittadino infatti rischia, in caso di soccombenza (esito negativo dell’azione di classe), la citazione per il risarcimento dei danni da parte della parte citata, la società da cui, in origine, voleva difendersi.
A.E.C.I. è un’associazione diversa
La nostra associazione di consumatori ha deciso di non aderire ad una piattaforma sbagliata. L’attuale impianto è sbagliato e, non solo non porta alcun beneficio, ma potrebbe, in caso di soccombenza, aggravare ancora di più la situazione. La nostra associazione di consumatori, non produce comunicati stampa e azioni mediatiche ma l’unico vero interesse della nostra associazione è la difesa dei consumatori.
Gli strumenti ci sono anche se limitati e, una vera azione di classe all’americana, sarebbe gradita per la semplificazione dell’intero sistema di tutela (http://it.wikipedia.org/wiki/Class_action). Ma A.E.C.I.  mette costantemente in atto la difesa collettiva attraverso tutti gli strumenti alternativi che il nostro ordinamento mette a disposizione (per maggiori informazioni consultare la pagina http://www.euroconsumatori.eu/articoli_campagne.php)

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]