SIAMO TUTTI SENTINELLE.....

“Segnala gli sprechi a questo numero”.......così lo Stato chiede aiuto ai cittadini per una vigilanza sul territorio , ma gli sprechi dello Stato chi li segnalerà ?

Perché il Governo chiede a noi di segnalare gli sprechi dopo che è stato nominato un esecutivo tecnico ed un supercommissario  per stabilire le spese per beni e servizi ?

Perchè non sono mai urgenti i tagli al numero dei parlamentari e agli stipendi dei politici e si pensa solo e sempre a misure drastiche  per i cittadini e mai per le alte cariche dello Stato e di tutte le Istituzioni ? Perchè non vengono aboliti i benefit ed i privilegi ai parlamentari, giudici ,docenti universitari , manager ed a tutti i loro famigliari e parenti stretti ?

Perché chi ha diritto ad una costosa scorta per motivi di sicurezza con autista  , macchina e  benzina gratuita al sabato diventa cittadino comune e va al supermercato da solo o con consorte a fare la spesa e alla domenica sempre da solo sgambetta in tuta per parchi e/o piste ciclabili  ? 
Perchè diversi Comuni della Toscana  creano ronde di segnalatori di redditi nascosti ? Vogliamo tornare allo : “Zitto ! Il nemico ti ascolta ?”
Perchè in un paese di 30 abitanti il Comune ha un sindaco, un vicesindaco, 4 assessori ,12 consiglieri e un segretario, per un totale di 15 persone e  considerando che hanno un corpo di vigili urbani e gli uffici comunali   praticamente tutto il paese è stipendiato dallo Stato ? 
Perchè esiste ancora il duplicato tra Motorizzazione e ACI quando quello che viene fatto da uno può benissimo essere fatto anche dall’altro ? E così anche per il P.R.A. e l’archivio della motorizzazione che sono due cose uguali e potrebbero essere unificati?
Ma il simbolo più evidente degli sprechi è quello relativo agli immobili inutilizzati e lasciati al degrado e che vanno deteriorandosi per l'abbandono. Perché non vengono ceduti quando sono ancora in relative buone condizioni? Perchè si aspetta, come al solito, che l'immobile diventi un rudere? Acqua, luce e gas senza controllo per gli uffici pubblici  con luci sempre accese e riscaldamenti al massimo e visto che l’energia elettrica è aumentata del 4% e, se consideriamo lo spreco di energia elettrica ingiustificata in ogni ufficio Pubblico da Trieste a Pantelleria,  quanto si potrebbe risparmiare in un anno ?
Perchè  edifici pubblici e ospedali che non vedono mai la parola fine e strutture costruite senza che si capisca bene quale sia la loro utilità vengono segnalate da Nord a Sud ma solo Le Iene e Striscia la notizia riescono a colpire l'immaginazione dei cittadini solitamente ignari e/o disattenti e non quella degli Amministratori di beni pubblici ? E cosa dire degli Ospedali  terminati da anni  con reparti e  sale operatorie pronte  ma a tutt'oggi  chiusi e  divenuti deposito di barelle, reti e perchè no immondizia ?
Ma ancora non abbiamo parlato della
Scuola e dell'Università.  Perchè vagliando i contratti di appalto di diverse Cooperative che fanno le pulizie si rileva che, con gli stessi soldi, si potrebbero assumere alcune unità di personale ATA con il risultato che le scuole sarebbero molto più pulite, si risparmierebbe un 10% circa sui costi degli appalti e ci sarebbero diversi disoccupati in meno con un maggior controllo degli alunni e delle entrate delle scuole? Perchè pur sapendo che per le Università una notevole fonte di risparmio sarebbe il controllo delle spese effettuate per i benefit assegnati ai docenti si continua a concedere loro privilegi ?
Il Controllore nazionale dovrebbe allora essere tenuto sotto controllo ?

Qui Radio Londra...e per fortuna che A.E.C.I. c'è..!! 

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]