ROTTAMAZIONE CARTELLE ESATTORIALI: GLI SPORTELLI DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE DI CONSUMATORI APERTI AI CITTADINI

Come ben spiegato dal Sole 24 Ore (articolo di di Luigi Lovecchio | 17 ottobre 2017)  la nuova rottamazione con l'Agenzia delle Entrate-Riscossione prevista dall’articolo 1 del Dl 148/2017  (gazzetta ufficiale 16/10/2017) riguarda i carichi affidati dal 1° gennaio al 30 settembre 2017.

Anche questa volta quindi non rileva la data di notifica della cartella di pagamento o di comunicazione al contribuente della trasmissione del carico, ma quella in cui il credito erariale è uscito dalla disponibilità dell’ente creditore (circolare 2/E/2017).

Non rileva pertanto neppure la data convenzionale di presa in carico da parte dell’agente della riscossione. Ciò significa che il debitore deve chiedere all’Agenzia delle Entrate – Riscossione la stampa dell’estratto di ruolo per conoscere l’entità delle somme definibili.

A tale scopo, entro il 31 marzo 2018 l’agente della riscossione comunica per posta ordinaria al debitore l’importo dei carichi definibili dei quali non è ancora stata ufficializzata l’esistenza. Vale peraltro ricordare che la mancata trasmissione di tale comunicazione non esime il contribuente dal rispetto dei termini di legge, ragion per cui è opportuno che ci si attivi comunque presso l’ente di riscossione.

VANTAGGI DELLA ROTTAMAZIONE

Il vantaggio è rappresentato dall’azzeramento di sanzioni e interessi di mora. Restano dovuti, invece, la sorte capitale, gli interessi affidati all’agente della riscossione e l’aggio sulle somme rivenienti dalla definizione agevolata, oltre alle spese per notifica della cartella e eventuali procedure esecutive.

La domanda deve essere presentata entro il 15 maggio del prossimo anno utilizzando i moduli che ancora non sono disponibili ma che saranno pubblicati (entro fine mese) dallo stesso concessionario. Il contribuente debitore però può anticipare i tempi per bloccare (o prevenire) le misure cautelari o esecutive quali fermo amministrativo, iscrizione ipoteca o pignoramento.

Come ricordato dallo stesso Lovecchio la pendenza della procedura non determina l’interruzione delle operazioni di recupero coattivo, salvo che non si provveda alla presentazione della domanda. Pertanto, se si è ricevuta ad esempio l’intimazione di pagamento propedeutica all’ipoteca oppure se si teme che venga aggredito il conto bancario o lo stipendio, si ha l’esigenza di inoltrare quanto prima l’istanza.

Per maggiori informazioni i nostri sportelli sono a disposizione del cittadino sia per chiarire tempi, modi e disponibilità sia per l’inoltro della domanda per aderire alla rottamazione.Per maggiori informazioni i nostri sportelli sono a disposizione del cittadino sia per chiarire tempi, modi e disponibilità sia per l’inoltro della domanda per aderire alla rottamazione.

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]