ACEA CHIEDE IL PAGAMENTO DEI DEBITI DEL PRECEDENTE UTENTE PER LA RIATTIVAZIONE DELL'UTENZA. NUOVO ESPOSTO AGCM DI A.E.C.I.

ACEA, già sanzionata dall’Antitrust, continua a chiedere i debiti di utenti precedenti in caso di subentro.

Ci risiamo. Evidentemente l'Antitrust non è stato ancora sufficiente. E’ necessario ulteriore intervento e per questo la nostra Associazione di consumatori ha deciso di inviare un nuovo esposto all’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato.

Sei il nuovo inquilino? Vuoi la corrente ? paga il debito di un altro.

Il lupo perde il pelo ma non il vizio e, l’operatore romano, come al solito applica il più vile dei stratagemmi per obbligare il nuovo inquilino ad accollarsi il debito del vecchio.  Nonostante il codice civile. Nonostante le sanzioni precedenti.

Le segnalazioni che riceviamo,ACEA CHIEDE IL PAGAMENTO DEI DEBITI DEL PRECEDENTE UTENTE PER LA RIATTIVAZIONE DELL'UTENZA. NUOVO ESPOSTO AGCM DI A.E.C.I.

ACEA, già sanzionata dall’Antitrust, continua a chiedere i debiti di utenti precedenti in caso di subentro.

Ci risiamo. Evidentemente l'Antitrust non è stato ancora sufficiente. E’ necessario ulteriore intervento e per questo la nostra Associazione di consumatori ha deciso di inviare un nuovo esposto all’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato.

Sei il nuovo inquilino? Vuoi la corrente ? paga il debito di un altro.

Il lupo perde il pelo ma non il vizio e, l’operatore romano, come al solito applica il più vile dei stratagemmi per obbligare il nuovo inquilino ad accollarsi il debito del vecchio.  Nonostante il codice civile. Nonostante le sanzioni precedenti.

Le segnalazioni che riceviamo, in tal senso, sono numerose. Talvolta la nostra associazione riesce a risolvere il problema passando per il canale dedicato. Ma questo atteggiamento è fastidioso e deve essere bloccato.

Abbiamo chiesto, per questo, che la situazione sia analizzata dall’antitrust. La nostra Associazione ha infatti inviato un esposto con tanto di casi raccolti in questi ultimi giorni. in tal senso, sono numerose. Talvolta la nostra associazione riesce a risolvere il problema passando per il canale dedicato. Ma questo atteggiamento è fastidioso e deve essere bloccato.

Abbiamo chiesto, per questo, che la situazione sia analizzata dall’antitrust. La nostra Associazione ha infatti inviato un esposto con tanto di casi raccolti in questi ultimi giorni.

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]