DISAGI VOLI: 270 MILIONI DI MANCATI RECLAMI.

Roma - 11 luglio 2016  - Come si legge sull'agenzia di stampa ADN KRONOS, i disagi provocati da ritardi, overbooking o cancellazioni di voli possono essere rimborsati ma solo il 7% dei passeggeri indennizzabili rivendica i propri diritti. E' partito da questa premessa il servizio legale offerto da Cliam.it, nato dall’idea dell’imprenditore belga-olandese Ralph Pais nel 2012, che presenta i suoi servizi anche in Italia dove, si stima si possano reclamare 270 milioni di euro per questi inconvenienti, rimborsi non reclamati che in Europa arrivano a circa 3 miliardi di euro.

Secondo la legge europea infatti, i passeggeri i cui voli hanno subito più di tre ore di ritardo, sono stati cancellati o sono andati in overbooking, hanno diritto ad un risarcimento pari a 250, 400 o 600 euro a passeggero a seconda della tratta aerea. L’ammontare di tali risarcimenti è fisso, indipendentemente dal costo del biglietto. Se la tratta è fino a 1500 km (per esempio, Londra - Malaga) si ha diritto a 250 euro. Se la tratta è fra i 1500 e i 3500 chilometri (per esempio, Manchester - Roma) si ha diritto a 400 euro. Se la tratta è maggiore di 3500 km (per esempio, Londra – New York) si ha diritto a 600 euro.

Le norme hanno anche effetto retroattivo, e per l'Italia potranno inoltrare la richiesta di risarcimento tutti i passeggeri che hanno avuto un volo cancellato o in ritardo negli ultimi 3 anni. In Belgio il termine è di 1 anno mentre per il Regno Unito sono 6 gli anni a disposizione.

Il servizio si può richiedere effettuando il log in sul sito www.claimit.eu, laddove con pochi click e in otto lingue sarà possibile compilare un modulo e inviarlo in pochi minuti ai legali della società. Il servizio è interamente gratuito e Claim it solo a successo conseguito e a rimborso avvenuto avanzerà la richiesta di un 25% di commissione.

"Circa 1,1 milioni di italiani si sono trovati su uno degli 8.400 voli che, negli ultimi tre anni, hanno subito più di tre ore di ritardo o che sono stati cancellati - ha spiegato Abraham Moszkowicz, uno dei più prestigiosi avvocati d'Olanda, che ha escluso per ora l'interesse della società per l'applicazione della formula di Claim it ad altri settori, quali ad esempio il ferroviario - Il 97% di questi passeggeri non ha sporto alcun reclamo per essere rimborsato: l’ammontare che resta da reclamare è quindi di 270 milioni di euro".

Diventa fondamentale l'informazione e l'autotutela e in questo può aiutarvi A.E.C.I. con gli articoli e le guide pubblicate sul nostro sito internet. Potrete trovare maggiori informazioni a questo link:

HAI BISOGNO DI AIUTO? RIEMPI IL FORM PER CONTATTARCI

I campi con * sono obbligatori
500 Caratteri rimanenti

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi del D. Leg. 196/03!



A.E.C.I. è un'Associazione di Difesa dei Consumatori presente sul territorio e con il suo sportello telematico. Grazie ai nostri consulenti ed avvocati difendiamo i tuoi diritti.
PERCHÉ FARSI TUTELARE DA A.E.C.I.
PERCHÉ ISCRIVERSI AD A.E.C.I.

ISCRIVITI

06 45 10 914

SCRIVICI

CHIEDI AIUTO

DALLE NOSTRE SEDI REGIONALI | [ARCHIVIO]